Spazio

Questa è la foto più grande mai scattata dal telescopio Hubble

Il telescopio Hubble ci regala un'immagine da record che aiuterà gli astronomi a scoprire come hanno avuto origine le prime e più lontane galassie dell'Universo.

Un gruppo internazionale di astronomi ha diffuso la più grande immagine mai realizzata dal telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA, che permette agli astronomi di mappare le regioni dove si formano le stelle e di scoprire come hanno avuto origine le prime e più lontane galassie dell'Universo. 

Utile per webb. La fotografia è stata scattata nell'"infrarosso vicino", vale a dire ad una lunghezza d'onda molto vicina a quella che i nostri occhi possono vedere, ma che non riescono ancora a percepire. L'immagine, denominata 3D-DASH, è ad altissima risoluzione e ciò permetterà al telescopio James Webb, lanciato a dicembre 2021 e arrivato nella sua destinazione definitiva qualche mese più tardi, di puntare il suo occhio su obiettivi molto lontani e unici. Un'anteprima dell'articolo che sarà pubblicato su The Astrophysical Journal è disponibile su arXiv

Spiega Lamiya Mowla, della Facoltà di Arti e Science's Dunlap Institute for Astronomy & Astrophysics presso l'Università di Toronto e autore principale dello studio: «Dal suo lancio, avvenuto più di 30 anni fa, il telescopio spaziale Hubble ci ha permesso di studiare e di capire, almeno in parte, come sono cambiate le galassie negli ultimi 10 miliardi di anni. Il programma 3D-DASH permetterà di andare oltre e svelare i misteri che fino ad ora non siamo riusciti a comprendere». 

Le prime galassie. Grazie all'uso dell'infrarosso, l'occhio di Hubble è in grado di osservare le prime galassie che si formarono nell'Universo e che oggi risultano essere le più lontane.

Questo perché l'infrarosso stesso riesce a "penetrare" tra le polveri dell'Universo e a catturare la luce delle galassie primordiali che risulta, a causa del veloce allontanamento delle galassie stesse, come "stirata", facendo passare nell'infrarosso lunghezze d'onda del visibile. 

E ora? Fino ad oggi immagini che racchiudono un campo così vasto dell'Universo (paragonabile a circa 6 volte la dimensione della Luna piena vista da Terra) erano state realizzate solo dalla Terra, ma possedevano una risoluzione piuttosto bassa. Quanto ha realizzato Hubble permetterà di puntare l'occhio del Webb Telescope su galassie lontanissime molto massicce oppure su buchi neri molto attivi o su galassie che sono sul punto di scontrarsi tra loro e fondersi in una sola. Con questa immagine, dicono gli astronomi, si darà il via ad un nuovo dello studio dell'universo.

10 giugno 2022 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us