Spazio

Tute spaziali di alta moda per SpaceX

La nuova, futuristica tuta spaziale di SpaceX è stata presentata su Instagram da Elon Musk, ma... non ha rinunciato alla missione marziana?

Qui sotto, il post su Instagram con cui il fondatore di SpaceX ha presentato la "linea di abbigliamento" dei suoi astronauti. Lo stile futuristico suggerisce una progettazione hollywoodiana, ma Elon Musk ci tiene a precisare che sono funzionali e, soprattutto, funzionanti.

«Prima immagine della nuova tuta spaziale di SpaceX. Altre nei prossimi giorni: è operativa (non un modello), già testata in doppio vuoto. È stato incredibilmente difficile bilanciare estetica e funzionalità», dichiara Musk.

Doppio vuoto? Dalla sua dichiarazione emergono due domande. La prima è senz'altro... perché il doppio vuoto? Le tute spaziali per attività extraveicolari (EVA) non hanno una pressione interna di 1 atmosfera: nel vuoto dello Spazio, gli astronauti riuscirebbero a malapena a muoversi, figuriamoci se riuscirebbero a eseguire delicati lavori di riparazione, chiusi in una tuta gonfiata come un palloncino.

La pressione interna è quindi ridotta a circa 1/3 di atmosfera, saturata di ossigeno, in modo che, a ogni boccata, l'astronauta riceva la quantità giusta di ossigeno. Il test del doppio vuoto serve a scoprire sia se questo palloncino d'ossigeno ha perdite quando si trova nel vuoto, sia se la bassa pressione interna risucchia aria dall'esterno quando si trova ad 1 atm. Una tenuta doppiamente stagna, insomma.

Ma la tuta di Musk non sembra progettata per le passeggiate spaziali (come invece la prima, in alto in questa pagina).

Per dove? La seconda domanda è: per andare dove? La perplessità nasce dalla recente notizia della cancellazione del programma di SpaceX per Marte. Che si tratti della tuta in dotazione ai futuri turisti spaziali che Musk promette di portare a breve in orbita? Per saperlo dobbiamo seguire il consiglio del "Tony Stark" del mondo reale e aspettare i prossimi giorni.

27 agosto 2017 Davide Lizzani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us