Scienza

Ecco il rover della NASA che esplorerà Marte nel 2020

Non molto diverso dal suo predecessore Curiosity come struttura esterna possiede però nuovi strumenti. Preparerà campioni di rocce da riportare a Terra.

In attesa del lancio della sonda Insight, previsto per il 2018 e che studierà il suolo di Marte, la NASA ha presentato il rover che nel 2020 scenderà sulla superficie marziana per esplorare una nuova area del pianeta rosso.

A prima vista sembra del tutto identico al suo predecessore, il rover Curiosity che in questo momento sta esplorando il cratere Gale. Ma il nuovo, che al momento non ha ancora un nome proprio, presenta diverse peculiarità: possiede sette nuovi strumenti, ruote ridisegnate e una maggiore autonomia decisionale.

Come Curiosity invece, avrà un trapano che permetterà di penetrare la roccia marziana di alcuni centimetri e un sistema del tutto innovativo permetterà di sigillare i campioni all'interno di piccoli contenitori che saranno pronti in vista di una possibile futura missione che possa portarli a Terra.

Il gruppo di lavoro cercherà di preparare almeno 20 campioni marziani, ma si spera di arrivare anche a 30 o 40.

Alla NASA si studia una missione che possa riportare a Terra i campioni di rocce che il rover del 2020 raccoglierà strada facendo © NASA

Indizi di vita passata. L'arrivo sulle pianeta rosso di un vero e proprio rover di dimensioni paragonabili a quelle di una piccola utilitaria seguirà la stessa procedura che vide l'atterraggio di Curiosity: una particolare gru, che rimarrà sospesa ad alcuni metri d'altezza sostenuta da razzi in grado di vincere la forza di gravità di Marte, depositerà sulla superficie il rover della NASA attraverso delle corde. Sarà nuovo invece il lavoro dei computer di bordo, i quali, durante la fase di discesa confronteranno il paesaggio osservato dalle macchine fotografiche con quello di carte precaricate, così da raggiungere il luogo di atterraggio con estrema precisione.

Spiega Jim Watzin, Direttore del Mars Exploration Program della NASA: «Circa l'85% della massa del nuovo rover è costituito dall’hardware di Curiosity. In pratica il lavoro fatto con Curiosity ha permesso di risparmiare denaro, tempo e soprattutto ci ha detto che il sistema è valido». In altre parole il nuovo rover vedrà solo una serie di nuovi strumenti o strumenti ancora più perfezionati rispetto al precedente, ma per il resto sarà del tutto simile.

Marte, Pianeta Rosso, Nasa, Mars 2020, Sistema Solare
Illustrazione: alcuni dettagli degli strumenti di Mars 2020. © Nasa

Obiettivi scientifici. Il rover 2020 cercherà strutture microscopiche che possano aiutare a capire se un tempo vi era vita. Uno spettrometro a raggi X studierà granelli di roccia grandi come briciole di sale da tavola, mentre un laser ultravioletto rileverà il bagliore degli atomi di carbonio di diverso tipo per cercare di capire la provenienza, se da materiale organico o inorganico.

Uno strumento particolarmente interessante sarà il radar in grado di penetrare il terreno fino a 10 metri di profondità così da avere un quadro della struttura di Marte che non sia solo quella superficiale.

Le ruote saranno diverse da quelle di Curiosity visto il gran numero di buchi che si sono creati al loro interno.

Foto in HD e 3D. Vi saranno inoltre set di macchine fotografiche a colori in HD e in grado di fare riprese in 3D molto sofisticate (di cui vi abbiamo già raccontato nel dettaglio) e un laser in grado di vaporizzare le rocce e il suolo per analizzare la loro struttura chimica.

Il luogo di atterraggio non è ancora stato definito. Nello scorso mese di febbraio la comunità scientifica aveva limitato la lista dei potenziali siti di discesa da 8 a 3.

Il primo è un antico fondale chiamato Cratere Jezero, il secondo si trova a nord est di Syrtis, dove acque calde potrebbero avere interagito chimicamente con le rocce del sottosuolo, il terzo dove esisterebbero testimonianze di quelle che furono sorgenti calde in prossimità di Columbia Hills.

La scelta finale avverrà verso la fine del prossimo anno.

1 dicembre 2017 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Ascesa e declino di Sparta, la polis greca che dominò il Peloponneso con la sua incredibile forza militare e un'organizzazione sociale che forgiava soldati e cittadini pronti a tutto. Perché Beethoven cambiò per sempre il mondo della musica; gli esordi dell'Aids, l'epidemia che segnò un'epoca.

ABBONATI A 29,90€
Questo numero di Focus è speciale perchè l'astronauta dell'Esa Luca Parmitano ci ha affiancato per realizzare un giornale dedicato alle frontiere della scienza, dalla caccia agli esopianeti alla lotta contro il coronavirus fino agli organi stampati in 3d. Grazie Luca per i tuoi consigli e suggerimenti!
ABBONATI A 29,90€

Cosa posso comprare nel mondo con un euro? Perché i crackers hanno i buchi? Dove vanno i gatti quando spariscono da casa? Quanto può dormire un batterio? Correre una maratona fa ringiovanire? Con Focus D&R trovi più di 250 risposte rigorosamente scientifiche alle domande più curiose, divertenti e (anche) un po' folli che potresti mai immaginare.

 

 

ABBONATI A 14,90€
Follow us