Spazio

Gli alieni sanno dell'esistenza della Terra? Ecco come sarà il nostro prossimo “messaggio in bottiglia”

Nel 1977 la Nasa spedì nello spazio le sonde Voyager 1 e 2 contenenti due dischi in oro con incisi suoni e immagini della nostra civiltà indirizzati agli alieni. Ora ci riproviamo?

E se dopo più di 40 anni mandassimo nello spazio un altro "messaggio in bottiglia" che potrebbe rivelare la nostra esistenza a una civiltà aliena? A fronte dei tanti cambiamenti sociali e tecnologici avvenuti in questi anni, gli scienziati si stanno interrogando su cosa dovrebbe contenere una riedizione di questi messaggi in bottiglia spaziali.

Voyager 1 e 2. Era il 1977 quando la Nasa spedì due sonde verso lo spazio profondo, la Voyager 1 e la Voyager 2. Assieme alla strumentazione tecnica utile per la ricerca scientifica, esse contenevano due dischi in oro – noti come Voyager Golden Records – indirizzati a potenziali forme di vita intelligenti su altri pianeti. Al loro interno erano stati incisi suoni e immagini della Terra, oltre ad alcuni semplici disegni raffiguranti indicazioni di base riguardanti il nostro pianeta e la civiltà umana. 

I dischi originali. Ciò che è rimasto immutato in questi decenni di cambiamenti è lo scopo originario dei Golden Records, ovvero mostrare il desiderio dell'uomo di comprendere l'Universo e conoscere altre forme di vita, cercando, al contempo, di essere a sua volta compreso. Queste "capsule del tempo" contenevano voci di esseri umani in 55 lingue diverse, suoni naturali del clima e della fauna selvatica, brani musicali di vario genere, da Mozart a Chuck Berry, oltre a un vasto assortimento di immagini (un filamento di DNA, una donna che fa la spesa, lo Snake River…). Sulla copertina del disco, erano inoltre incise le istruzioni per leggerlo, oltre a un diagramma con le coordinate di partenza, raffigurante il Sole e quattordici direzioni note verso altre stelle.

Successo improbabile. Il tentativo di comunicare con altre civiltà rappresenta una piccola riga di poesia nel grande libro della scienza, anche perché le probabilità che il messaggio arrivi a destinazione rasentano lo zero. Dopo aver lasciato il sistema solare, in effetti, le due sonde sono entrate nello spazio interstellare, dove vagheranno per i prossimi 40.000 anni prima di raggiungere la stella più vicina. E una volta raggiunta questa prima tappa, non è detto che vi sia qualcuno pronto a intercettarle, né che sia in grado di decifrarne il messaggio. Ciò nonostante, in un articolo pubblicato su AGU Earth and Space Science, un gruppo di ricercatori ha provato a ipotizzare cosa dovrebbe contenere un prossimo messaggio da lanciare nel cosmo.

Visione globale. In breve, le stesse informazioni lanciate nel 1977 dovrebbero essere integrate e amplificate.

Secondo i ricercatori, un aggiornamento dei Golden Records dovrebbe essere diviso in due parti: uno destinato a civiltà meno avanzate e uno a destinatari più "intelligenti". Nel primo caso, ci si dovrebbe limitare a un rotolo di immagini e diagrammi, ovvero a un'informazione prettamente visiva; nel secondo, al contrario, si potrebbe predisporre un mini computer ricco di informazioni digitali e che raccolga non solamente gli aspetti più positivi della storia umana ma anche quelli negativi. Accanto a testimonianze di musica, arte, natura e società, dunque, sarebbe utile fornire una rappresentazione evolutiva dettagliata della vita sul nostro pianeta, che mostri ogni sfida affrontata dagli esseri umani e che si concluda con una visione delle nostre aspirazioni future.

25 dicembre 2023 Simone Valtieri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us