Doppia eclissi di Sole per il Solar Dynamics Observatory

Due spettacoli al prezzo di uno: le immagini del transito di Terra e Luna davanti al Sole catturate, domenica 13 settembre, dal telescopio della Nasa.

doubleeclipse
Un'immagine agli ultravioletti di Terra (in alto) e Luna (a sinistra) che transitano insieme davanti al Sole.|Image via NASA/SDO

Domenica 13 settembre, il lavoro di osservazione del Solar Dynamics Observatory è stato interrotto due volte. Il telescopio della Nasa, che dal 2010 sorveglia l'attività solare, ha infatti assistito per la prima volta a una doppia eclissi di Sole nello stesso momento, con la nostra stella oscurata prima dalla Terra, e subito dopo dalla Luna.

 

Photobombing. L'eclissi parziale di Sole era uno spettacolo annunciato per domenica: alcuni fortunati abitanti di Sud Africa e Antartide hanno potuto ammirare il disco solare parzialmente coperto dalla Luna. Ma proprio mentre la Luna stava per transitare nel "campo visivo" di SDO, la Terra ha fatto irruzione nella scena, bloccando la visuale del telescopio con il suo cono d'ombra. 

 

Altro giro. Quando finalmente, dopo circa un'ora, la Terra si è tolta di mezzo, l'altra eclissi era in corso, e la Luna stava completando il suo passaggio davanti al disco solare. La doppia eclissi è iniziata domenica intorno alle 8:30 ore italiane.

 

L'animazione. Il video della Nasa che vedete qui sotto illustra in modo divertente lo strano "triangolo". La foto di apertura, invece, mostra l'ombra della Terra (in alto, più sfocata a causa del riverbero atmosferico) e quella della Luna, che si staglia più netta (perché priva di atmosfera) sul disco solare.

 

 

geosincrono. Dalla sua postazione privilegiata a 35.789 km dalla Terra, SDO osserva decine di eclissi all'anno, ma questa è la prima volta che ne immortala due a così breve distanza. L'orbita geosincrona - a quella precisa distanza - consente al telescopio di completare un giro intorno alla Terra ogni 24 ore, rimanendo sempre nello stesso posto rispetto al Pianeta, e con una visuale pressoché ininterrotta del Sole.

 

Coincidenze. Ma due volte all'anno, a causa della rivoluzione della Terra intorno al Sole, l'orbita di SDO viene a trovarsi dietro al nostro pianeta. Gli scienziati della NASA chiamano questi periodi le "stagioni delle eclissi" perché durante queste fasi - che durano circa 2-3 settimane - la Terra eclissa il Sole ogni giorno. La durata di queste "eclissi" variano da pochi minuti fino a un'ora.  E uno di questi "occultamenti" si è trovato a coincidere, domenica, con un'eclissi a opera della Luna.

 

 

15 Settembre 2015 | Elisabetta Intini