Spazio

Deep Space Gateway: si studia la propulsione dei razzi che andranno verso Marte

La Nasa ha stipulato contratti con cinque compagnie private per mettere a punto soluzioni di propulsione per lo Spazio. Continua il piano a tappe che ci porterà fino a Marte.

Boeing, Lockheed Martin, Orbital ATK, Sierra Nevada Space Systems, Space Systems Loral: queste agenzie spaziali private hanno qualcosa in comune. Si sono tutte aggiudicate un contratto per mettere a punto un sistema di propulsione per il Deep Space Gateway, lo base-spazioporto in zona cislunare (la regione di Spazio in equilibrio gravitazionale tra la Terra e la Luna) progettata da Nasa, Roscosmos e Esa, che farà da trampolino di lancio per le missioni marziane.

Quale tecnologia? La NASA ha stipulato con queste aziende contratti per un totale di 2,4 milioni di dollari (oltre 2 milioni di euro) affinché, nei prossimi 4 mesi, studino soluzioni di alimentazione che utilizzino la propulsione solare-elettrica: motori, cioè, che convertano l'energia solare in energia elettrica, e usino poi questa elettricità per ionizzare gli atomi di propellenti come il gas xeno.

Questo tipo di alimentazione per stazioni e veicoli spaziali, usata per esempio nella missione Dawn, è più efficiente nei consumi (rispetto alla propulsione chimica) e fornisce spinta per periodi di tempo più lunghi.

Avamposto umano. Il Deep Space Gateway è stato pensato per collaudare la zona cislunare come base logistica da usare nelle prossime missioni verso Marte. L'idea è utilizzarlo, nel prossimo decennio, come luogo in cui testare tecnologie, strumenti scientifici e modalità abitative da utilizzare nello Spazio profondo.

Il sistema di propulsione a cui lavorano le cinque aziende sarà una delle prime componenti lanciate. Altri elementi, come il modulo abitativo per gli astronauti e il sistema di attracco allo studio dell'agenzia spaziale russa, saranno spediti successivamente, quando pronti.

14 novembre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us