Spazio

Deep Space Gateway: si studia la propulsione dei razzi che andranno verso Marte

La Nasa ha stipulato contratti con cinque compagnie private per mettere a punto soluzioni di propulsione per lo Spazio. Continua il piano a tappe che ci porterà fino a Marte.

Boeing, Lockheed Martin, Orbital ATK, Sierra Nevada Space Systems, Space Systems Loral: queste agenzie spaziali private hanno qualcosa in comune. Si sono tutte aggiudicate un contratto per mettere a punto un sistema di propulsione per il Deep Space Gateway, lo base-spazioporto in zona cislunare (la regione di Spazio in equilibrio gravitazionale tra la Terra e la Luna) progettata da Nasa, Roscosmos e Esa, che farà da trampolino di lancio per le missioni marziane.

Quale tecnologia? La NASA ha stipulato con queste aziende contratti per un totale di 2,4 milioni di dollari (oltre 2 milioni di euro) affinché, nei prossimi 4 mesi, studino soluzioni di alimentazione che utilizzino la propulsione solare-elettrica: motori, cioè, che convertano l'energia solare in energia elettrica, e usino poi questa elettricità per ionizzare gli atomi di propellenti come il gas xeno.

Questo tipo di alimentazione per stazioni e veicoli spaziali, usata per esempio nella missione Dawn, è più efficiente nei consumi (rispetto alla propulsione chimica) e fornisce spinta per periodi di tempo più lunghi.

Avamposto umano. Il Deep Space Gateway è stato pensato per collaudare la zona cislunare come base logistica da usare nelle prossime missioni verso Marte. L'idea è utilizzarlo, nel prossimo decennio, come luogo in cui testare tecnologie, strumenti scientifici e modalità abitative da utilizzare nello Spazio profondo.

Il sistema di propulsione a cui lavorano le cinque aziende sarà una delle prime componenti lanciate. Altri elementi, come il modulo abitativo per gli astronauti e il sistema di attracco allo studio dell'agenzia spaziale russa, saranno spediti successivamente, quando pronti.

14 novembre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us