Focus

Rosetta e le nuove foto della cometa

Alla vigilia della scelta del sito su cui far atterrare il lander Philae, arrivano nuovi ritratti, sempre più ravvicinati, della prima cometa mai raggiunta da una missione umana. Guarda le foto e non perderti il selfie che ritrae la sonda con il misterioso corpo celeste.

Tra il 13 e il 14 settembre un gruppo di esperti radunati a Tolosa, Francia, stabilirà il sito di atterraggio ideale, tra cinque possibili, per il lander Philae su 67P/Churyumov-Gerasimenko. La cometa è ora a 50 km da Rosetta e i panorami immortalati dalla sonda sono sempre più dettagliati. Qui, una foto ad alta risoluzione catturata dalla telecamera OSIRIS il 5 settembre, che mostra alture e rilievi del corpo celeste da una distanza di 62 km.

Il Rosetta science team sta usando le ultime immagini per creare mappe sempre più dettagliate dei diversi tipi di suolo della cometa, che qui vediamo divisa in diverse regioni morfologiche, con il "corpo" in primo piano (delimitato dal bordo rosso) e la testa sullo sfondo.

L'atterraggio - interamente automatico - di Philae sulla cometa avverrà l'11 novembre 2014. Il lander dell'ESA arpionerà la superficie di 67P/Churyumov-Gerasimenko e, una volta compiuto il touchdown, inizierà ad inviare immagini panoramiche della sua meta, e a scavare per 23 centimetri il suolo sotto di sé per raccogliere campioni da analizzare. Qui, i 5 possibili siti di atterraggio (riquadri in basso) e le loro ubicazioni sulla cometa (in alto).

Mano a mano che la cometa si avvicina al Sole diventa sempre più attiva, e si modificano le caratteristiche morfologiche di suolo e nucleo. Quella degli esperti dell'ESA è, dunque, una corsa contro il tempo per trovare il migliore punto di attracco.

Il nucleo della cometa è largo circa 4 chilometri, ed è lì che Philae, un lander del peso di circa 100 kg, atterrerà, e lavorerà con i suoi 10 strumenti scientifici.

Un'immagine del 2 settembre, catturata dalla telecamera Navcam, mostra i geyser di ghiaccio, polveri e vapore d'acqua che si dipartono da alcune regioni di 67P/Churyumov-Gerasimenko. Il 24 settembre Rosetta osserverà il lato notturno della cometa e allora i getti, all'approssimarsi del corpo celeste al Sole, saranno ancor più visibili.

Un mosaico di quattro foto che ritraggono la cometa e i suoi getti di ghiaccio vaporizzato: le immagini sono state scattate il 2 settembre. L'area scura al centro del collage è data dall'assemblaggio degli scatti ma non ha corrispondenza nella realtà.

Tra il 13 e il 14 settembre un gruppo di esperti radunati a Tolosa, Francia, stabilirà il sito di atterraggio ideale, tra cinque possibili, per il lander Philae su 67P/Churyumov-Gerasimenko. La cometa è ora a 50 km da Rosetta e i panorami immortalati dalla sonda sono sempre più dettagliati. Qui, una foto ad alta risoluzione catturata dalla telecamera OSIRIS il 5 settembre, che mostra alture e rilievi del corpo celeste da una distanza di 62 km.