Spazio

Da quei pianeti nessuno ci ha chiamato

Il SETI ha sottoposto i pianeti abitabili fin qui scoperti da Kepler a un’attenta analisi per verificare l’eventuale inivio di messaggi intelligenti. Putroppo non è arrivato nulla di intelleggibile.

E se quei pianeti abitabili scoperti dal telescopio Kepler fossero davvero abitati e si fosse sviluppata almeno una civiltà avanzata, perché non provare a puntare le antenne di un radiotelescopio per verificare se qualcuno ci sta chiamando?

È quello che hanno pensato al SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence) in questi ultimi anni, dopo la scoperta del gran numero di pianeti abitabili. Detto, fatto: hanno puntato le antenne del radiotelescopio ATA (Allen Telescope Array) verso ogni pianeta abitabile che veniva scoperto, trascorrendo oltre 19.000 ore all’ascolto di segnali di eventuali civiltà intelligenti.

Sono stati scandagliati 65 pianeti che potenzialmente possono ospitare vita; sono state analizzate le frequenze comprese tra 1 e 9 GHz, considerate le più papabili per essere usate come mezzo di invio di segnali intelligenti; i dati raccolti sono stati interpretati in tempo reale dai computer di ATA.

Con la scoperta di pianeti abitabili attorno ad altre stelle sarà più facile scoprire civiltà intelligenti?

Ma dopo 6 anni di rilevamenti, i risultati sono stati molto deludenti: non è arrivato nessun segnale intelligente, almeno nelle frequenze scandagliate e con gli strumenti a disposizione ai nostri giorni, spiegano i ricercatori in un articolo su Earth and Planetary Astrophysics.

Il SETI tuttavia, non demorde e l’obiettivo di cercare segnali di extraterrestri evoluti continuerà e ogni pianeta abitabile che verrà scoperto sarà sottoposto all’analisi di ATA.

9 agosto 2016 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us