Spazio

Curiosity su Marte: desolazione in bianco e nero

Il rover Curiosity ha spedito due foto scattate il 1° novembre da un'area di interesse geologico su Marte, nel Cratere Gale: dietro il rover, il deserto montuoso del Pianeta Rosso.

Una strada vuota sullo sfondo, incorniciata da rilievi montuosi. Sembra una foto scattata dal lunotto dell'auto in un viaggio di ritorno, soltanto che i paesaggi in questione non sono terrestri: Curiosity ha acquisito questa immagine con la sua Right Navigation Camera B l'1 novembre, il Sol 2573 su Marte, mentre si dirigeva verso la sua prossima area di lavoro - una superficie inclinata alla base del Monte Sharp chiamata Central Butte.

Quella che vedete è la veduta in bianco e nero del panorama che si è lasciato alle spalle: l'orizzonte marziano incorniciato dal bordo del Cratere Gale, un buco di 154 km di diametro formato da un antico impatto meteoritico. In primo piano nella foto in apertura si notano le dolci pendici del Central Butte, le cui rocce sedimentarie (inquadrate meglio qui sotto) conservano indizi importanti sull'acqua che nel passato bagnava questa regione.

Cartoline da Curiosity: il Pianeta Rosso in bianco e nero
Le rocce del Central Butte ai piedi del rover, fotografate il 1 novembre. © NASA/JPL-Caltech

Archivi geologici. Curiosity analizzerà le diverse unità stratigrafiche - gli strati di roccia sovrapposti riconducibili a diversi eventi geologici - per restituire nuove informazioni sulla storia climatica di Marte. Dalla sua postazione privilegiata scatterà anche immagini della cima della collina del Central Butte, troppo difficile da scalare direttamente. Dopo il lungo addio di Opportunity, il rover è rimasto il solo a muoversi sulla superficie marziana: il lander InSight, la talpa che sta perforando il suolo marziano per misurarne la temperatura, è infatti statico.

6 novembre 2019 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us