Spazio

Curiosity e lo slalom tra le sabbie bagnate di Marte

Il rover della Nasa dovrebbe passare a poca distanza dalle scure strisce stagionali associate alla presenza d'acqua sul Pianeta Rosso. Ma si teme possa contaminarle. 

A quattro anni dall'inizio della sua missione, Curiosity si trova alle prese con una sfida inaspettata: arrivare alla sua prossima meta, il Monte Sharp (Aeolis Mons) senza contaminare, con i microbi portati da Terra, le vicine recurring slope lineae (RSL), striature stagionali di sabbia bagnata che ricorrono sul terreno marziano.

campo minato. Finora, su Marte, ne sono state contate 452, a diverse latitudini, e alcune si trovano disseminate intorno al sentiero che il rover deve percorrere per raggiungere una formazione geologica di grande interesse: strati di roccia con tracce di acqua vecchia 3 miliardi di anni (e non transitoria come quella contenuta in questi ruscelli salmastri, che affiorano quando sale la temperatura e poi evaporano velocemente).

In questa mappa tratta da Nature, sono ben visibili i siti delle RSL (in rosso) e il percorso compiuto da Curiosity fino a oggi. © Source: Route: NASA; Terrain: ASU; RSLs: Ref. 4

Portati dal vento. La più vicina striscia umida si trova ora a 5 km dal rover, che non dovrebbe comunque spingersi a meno di 2 km dalla scia. Anche volendo, Curiosity non potrebbe superare il pendio che lo divide dal sito, ma i tecnici della Nasa temono che eventuali microrganismi portati da Terra possano raggiungerlo comunque, spinti dagli agenti atmosferici marziani.

Andare o restare? Si sta quindi cercando di stimare quanto a lungo i potenziali microbi possano resistere in queste condizioni, e anche quanto lontano riescano a "viaggiare".

L'alternativa, deviare il percorso, è molto complessa dal punto di vista geografico: Curiosity non può salire su pendenze superiori ai 25 gradi, e le lineae sono ovunque attorno ad esso.

Distanza di sicurezza. Finora il lander ne ha fotografate 8 delle 58 presenti attorno al cratere Gale, dove è atterrato, ma rigidi trattati internazionali gli impediscono di avvicinarsi, per il timore di portare forme di vita terrestri nell'acqua ancora non analizzata.

8 settembre 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us