Focus

Rover Curiosity e altri robot su Marte Vai allo speciale

Curiosity "cinguetta" dal Pianeta Rosso. Ed è già Twitter mania

Sull'account Twitter del rover della Nasa gli aggiornamenti in tempo reale sulla missione. Puntuali e conditi da un filo di ironia.

curiosityttwe
|

Più di 583 mila follower, la maggior parte dei quali in una sola notte. La sua avventura su Marte è appena cominciata, eppure Curiosity ha già un seguito di fans, almeno sui social network, da fare invidia a molti VIP. Il suo primo tweet dal Pianeta Rosso, tanto per avere un'idea, è già stato ritwittato 60 mila volte.

 

Un rover molto "social"
"I'm safely on the surface of Mars. GALE CRATER I AM IN YOU!!!" ("sono sano e salvo sulla superficie di Marte. Cratere Gale sono dentro di te!): se la frase pronunciata dopo l'allunaggio è passata alla storia, negli annali dell'esplorazione marziana potrebbe un giorno finire questo semplice tweet. Dal cratere Gale, un'area di 154 chilometri di diametro in cui sorge una montagna i cui strati minerari inferiori recano antiche tracce di acqua, il rover marziano ha dato conferma dell'avvenuto atterraggio. Non senza un filo di ironia: "se un tempo è stato un piccolo passo, ora sono sei grandi ruote", cinguetta la Nasa dall'account @MarsCuriosity.

 

Aggiornamenti in tempo reale
#Curiosity, #Mars e #Marte sono tra gli hashtag più popolari da stamattina, e il rover non dimentica di rispondere alle richieste dei follower più esigenti: "Fai una foto con Instangram, o è come se non fosse mai successo" commenta un utente alla notizia dell'arrivo sul suolo marziano. "Avete richiesto foto del mio viaggio? Ecco la prima immagine dalla mia nuova casa. E guardate qui, una foto della mia ombra sul suolo del cratere marziano". Chi fosse curioso di capire come andrà a finire, rimanga collegato: "più avanti questa settimana manderò foto più grandi e a colori da Marte, non appena avrò attivato la Mastcam", promette Curiosity. Il sistema di due telecamere catturerà immagini ad alta definizione di suolo, rocce e panorami del Pianeta Rosso. Restiamo col fiato sospeso.

 

6 agosto 2012 | Elisabetta Intini