Cosa sono gli incontri di 1°, 2°, 3° e 4° tipo?

Sono alcuni tipi di avvistamenti di Ufo (Unidentified flying object, oggetto volante non identificato). Le definizioni furono coniate negli anni Settanta da Joseph Allen Heynek, astronomo,...

20028194846_5

Sono alcuni tipi di avvistamenti di Ufo (Unidentified flying object, oggetto volante non identificato). Le definizioni furono coniate negli anni Settanta da Joseph Allen Heynek, astronomo, astrofisico e fondatore del più importante centro di ricerca ufologica Usa.
Eccone la descrizione nel dettaglio.
Incontri di 1° tipo: visione di un Ufo posato a terra, a distanza relativamente ravvicinata (non più di alcune centinaia di metri).
Incontri di 2° tipo: l’Ufo, oltre a essersi posato a terra, deve avere lasciato tracce della sua presenza (segni sul terreno, bruciature su un albero, ecc.).
Incontri di 3° tipo: con l’Ufo deve essere avvistata anche un’entità animata.
L’incontro ravvicinato di 4° tipo è di origine più recente: si tratta dalla cosiddetta abduction, ovvero il rapimento di un terrestre a bordo di un Ufo. Tutti gli avvistamenti di Ufo in volo, invece, sono definiti “luce notturna” o “disco diurno”.

28 Giugno 2002