Con chi parlerebbero gli alieni?

corbis-42-22482277
Drew Barrymore sul set di "E.T." - Foto © Sunset Boulevard/Corbis

La domanda sembra oziosa, ma in realtà nasconde un problema importante. Se domani arrivassero gli alieni, chi sarebbe incaricato di provare a comunicare con loro in vece dell'umanità?
I migliori ambasciatori sarebbero probabilmente gli esponenti dell’Unità post rilevamento del Seti, Search for Extra-Terrestrial Intelligence (Ricerca di Intelligenza Extraterrestre), il programma dedicato alla ricerca della vita extraterrestre, che hanno a disposizione un protocollo d’azione per affrontare l’eventualità di un contatto con gli alieni.
Tutti nello spazio: le nuove frontiere del turismo

Lingua
Il problema principale sarebbe infatti quello di trovare un linguaggio comune (non necessariamente verbale) che consenta di scambiare informazioni sul livello di conoscenza, soprattutto in campo fisico, biologico e astronomico. Potrebbe però anche succedere che l’Onu, al pari di quanto accaduto in occasione di conflitti recenti, decidesse di delegare a un gruppo di Paesi (probabilmente Usa, Francia, Germania) il compito di fare da ambasciatori.
Slideshow: il mondo visto dallo spazio - E video: la Terra come la vedrebbero gli alieni

Top secret
Le coordinate del rilevamento e del contatto dovrebbero comunque essere mantenute segrete, per evitare che i non autorizzati tentino di mandare messaggi contrastanti alla linea ufficiale.
Tutte le domande e risposte sullo spazio e il video del nuovo lander per l'esplorazione spaziale

23 Febbraio 2012