Spazio

Con che criterio vengono formate le costellazioni?

Le stelle che costituiscono le costellazioni non sono unite in base a un criterio scientifico, ma per pura associazione fantastica. Infatti le stelle distano tra loro anche diversi anni luce, ma...

Le stelle che costituiscono le costellazioni non sono unite in base a un criterio scientifico, ma per pura associazione fantastica. Infatti le stelle distano tra loro anche diversi anni luce, ma osservandole dalla Terra si ha la sensazione di vederle distribuite sulla volta celeste tutte alla medesima distanza. Fin dall’antichità alcuni gruppi di stelle sono stati idealmente uniti a dare rappresentazioni battezzate con nomi di animali, eroi mitologici, personaggi. Così, grazie a Egizi, Babilonesi, Cretesi, Greci e Latini sono state tramandate a noi alcune mappe del cielo. Unica eccezione sono le costellazioni vicine al Polo Sud celeste che non erano mai state viste dai nostri antenati europei/mediorientali prima delle esplorazioni tra il XV e il XVII secolo, ma anche quelle sono state identificate senza un vero criterio, sulla base di vaghe analogie. Nel 1928 l’International Astronomic Union ha definito le costellazioni attualmente riconosciute, “ritagliando” pezzi di sfera celeste che contenessero le costellazioni storiche. Nonostante siano solo un effetto ottico dovuto alla prospettiva, le costellazioni restano comodi e immediati riferimenti per orientarsi nel cielo di notte. Per esempio, pensare che Mizar è la seconda stella della coda dell’Orsa maggiore permette un’individuazione più rapida della porzione di cielo interessata senza l’aiuto di strumenti astronomici.

28 giugno 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us