Spazio

Come si ripulisce lo Spazio dai detriti celesti

Quali sono le tecniche allo studio per recuperare i satelliti in disuso, e neutralizzarne la pericolosità? Ne abbiamo parlato con gli esperti dell'ESA a Ravenna.

In passato abbiamo lanciato satelliti e razzi senza preoccuparci troppo della loro fine, e ora l'orbita terrestre è piena di detriti potenzialmente pericolosi. Come liberarcene? Ne abbiamo parlato questa mattina a Ravenna durante l'incontro "A spasso nello Spazio", nella quinta tappa dell'iniziativa "on the road" Panorama d'Italia.

I satelliti in disuso rischiano di scontrarsi e distruggersi in mille pezzi, o anche di scoppiare se contengono ancora scorte di carburante, ha spiegato Luisa Innocenti, Head of Clean Space Office di ESA. Si trovano soprattutto in due zone: in orbita vicina e in orbita geostazionaria. La maggior parte appartiene a USA, Russia e Cina, ma soltanto perché l'Europa ha lanciato di meno.

Distanza di sicurezza. Sulla gestione dei satelliti in disuso ci sono oggi regole più stringenti: o si fanno schiantare in atmosfera, o si portano a oltre 2000 km da Terra, in una fascia sicura. Il grosso problema ingegneristico è come rimuovere i più grossi dalle "autostrade orbitali" in cui si trovano.

"Pesca spaziale": rendering della rete che verrebbe usata per recuperare i detriti cosmici. © ESA

Strumenti di cattura. Le soluzioni privilegiate sono due: la loro cattura con bracci meccanici, precisi ma che devono operare da vicino; o quella attraverso apposite reti di cattura, che implicano però un più difficile rientro atmosferico.

Queste ultime sono anche state testate in voli suborbitali, per capire come funzionino in assenza di gravità. Altre soluzioni prevedono "ganci" da costruire su satelliti futuri o arpioni per catturare quelli ormai vecchi.

Lucio Quadrani, fisico dell'Università di Bologna, ci ha raccontato della ricerca di raggi cosmici in un esperimento orbitante sulla ISS, in collaborazione con il CERN e con altri centri di eccellenza europei. Dal 2011 a oggi diverse pubblicazioni su raggi cosmici registrati stanno portando evidenze di materia oscura.

Umberto Guidoni ci ha invece guidato in un appassionante viaggio nello Spazio, facendo da padrone di casa negli ambienti angusti e dalla vista spettacolare della ISS. Anche la ISS è destinata, prima o poi, a diventare un relitto spaziale. Rimarrà operativa fino al 2024, forse fino al 2028, ma poi occorrerà pensare a come riutilizzarla o a come smantellarla.

2 luglio 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us