Come sarebbe la Terra, con gli anelli di Saturno

Per averli, dovremmo rinunciare alla ISS, ai satelliti e persino alla Luna. E allora, meglio fare uno sforzo di immaginazione e lasciarsi ispirare da queste visualizzazioni.

23697123503_3efc56c1b9_k23712572304_b294463e1f_k24363713305_e1b4717ac5_k23976878079_4d201e5b99_h24047101070_c75d01c75f_k24325035755_2d05090688_kApprofondimenti
23697123503_3efc56c1b9_k

Quando pensiamo agli elementi più affascinanti del Sistema Solare, gli anelli di Saturno sono in cima alla lista. Composti da miliardi di particelle di ghiaccio e polveri celesti, si estendono per 282 mila km, tre quarti la distanza che separa la Terra dalla Luna. Anche se quelli di Saturno sono i più estesi e meglio visibili, tutti i giganti del Sistema Solare - da Giove a Urano, a Nettuno - vantano il proprio sistema di anelli. I pianeti terrestri invece, ne sono privi. Ma che aspetto avrebbe la Terra, se fosse adornata da un sistema di anelli come quello di Saturno? Tralasciamo la fisica e atteniamoci a una aggiunta puramente estetica. I rendering che vedete sono stati realizzati da Kevin Gill, un ingegnere di software che lavora per il Jet Propulsion Laboratory della Nasa. Qui, gli ipotetici anelli terrestri visti dal Griffith Observatory di Los Angeles, California.

23712572304_b294463e1f_k

Quello che vedete, precisa Gill, è un puro esercizio di immaginazione: la luminosità e soprattutto gli angoli di comparsa degli anelli non sono stati regolati con precisione matematica. Ciò nonostante, i rendering danno un'idea piuttosto suggestiva di come apparirebbe lo skyline terrestre con questa ingombrante aggiunta. Inoltre, le visualizzazioni di Gill mostrano lo spettacolo degli anelli "terrestri" a diverse ore del giorno e della notte.

24363713305_e1b4717ac5_k

Qui, per esempio, li vediamo a mezzogiorno, con il Sole alto nel cielo di Pasadena, California. Nella foto di apertura li ammiriamo scendere verso l'orizzonte dorato dal tramonto, mentre una Luna crescente si fa largo nel cielo serale. Nella foto precedente, vediamo gli anelli insieme a un Sole mattutino. Gill è partito da una serie di foto panoramiche scattate durante le proprie vacanze che ha poi modificato con Photoshop e con un software di animazione 3D, Maya, al quale ha "dato in pasto" anche alcune foto degli anelli di Saturno da sovrapporre a quelle del nostro pianeta. Vedi anche: e se Saturno si avvicinasse alla Terra?

23976878079_4d201e5b99_h

Questa visualizzazione include la vista orbitale di una Terra con gli anelli: inutile dire che, se lo scenario si realizzasse, il sistema di polveri e ghiaccio creerebbe non pochi problemi alla Stazione Spaziale Internazionale e ai satelliti che orbitano attorno al nostro pianeta. Ma ancora una volta, il progetto (che potete ammirare anche su Flickr) non è una dimostrazione di plausibilità, ma un puro divertimento.

24047101070_c75d01c75f_k

L'ombra della Terra sui suoi stessi anelli, in una notte fantastica sopra a Los Angeles. Le speculazioni che vedete non sono poi campate così in aria. Nelle prime fasi della sua storia, infatti, la Terra potrebbe aver avuto un proprio sistema di anelli, il risultato di un evento cataclismatico. Se accettiamo la teoria dell'impatto gigante come quella che può spiegare l'origine della Luna, allora 4,5 miliardi di anni fa la Terra fu colpita da un corpo celeste delle dimensioni di Marte: Theia. L'impatto avrebbe generato, nell'orbita terrestre, una nube di materiali molto simile agli anelli di Saturno.

24325035755_2d05090688_k

Poiché questi detriti celesti si trovavano al di fuori del limite di Roche - una distanza sotto la quale non è possibile la formazione di un satellite - dal loro accrescimento ha avuto origine la Luna. Se le particelle celesti si fossero trovate al di fuori di questo limite, sarebbero rimaste disgregate come gli anelli di Saturno. Per avere gli anelli, dovremmo insomma rinunciare al nostro satellite.
Guarda anche: e se la Luna orbitasse alla stessa altezza della ISS?

Quando pensiamo agli elementi più affascinanti del Sistema Solare, gli anelli di Saturno sono in cima alla lista. Composti da miliardi di particelle di ghiaccio e polveri celesti, si estendono per 282 mila km, tre quarti la distanza che separa la Terra dalla Luna. Anche se quelli di Saturno sono i più estesi e meglio visibili, tutti i giganti del Sistema Solare - da Giove a Urano, a Nettuno - vantano il proprio sistema di anelli. I pianeti terrestri invece, ne sono privi. Ma che aspetto avrebbe la Terra, se fosse adornata da un sistema di anelli come quello di Saturno? Tralasciamo la fisica e atteniamoci a una aggiunta puramente estetica. I rendering che vedete sono stati realizzati da Kevin Gill, un ingegnere di software che lavora per il Jet Propulsion Laboratory della Nasa. Qui, gli ipotetici anelli terrestri visti dal Griffith Observatory di Los Angeles, California.