Spazio

Come NON fare atterrare un razzo riciclabile

Una compilation di "papere" - mancati touch-down, esplosioni, ammaraggi - collezionate da SpaceX. Perché anche i più visionari sbagliano (ma con stile).

Quando si può contare su una serie indiscussa di recenti successi - come quelli che annovera SpaceX - ci si può permettere di guardarsi per un attimo alle spalle, e sorridere dei fallimenti incontrati lungo la strada. Così Elon Musk, che di recente ha lanciato un satellite con il primo stadio di un Falcon 9 riciclato, e che è riuscito a riutilizzare anche il cargo spaziale Dragon, ha mantenuto la promessa di prendersi meno sul serio, e postato su Twitter una serie di défaillances delle sue tecnologiche creature.

Negli USA li chiamano blooper: sono gli errori presenti nei film e sfuggiti ai registi, o al contrario tagliati e riproposti a scopo ironico (famosi sono quelli a canestro delle star NBA).

Atterrare non basta... occorre farlo nel punto giusto, per non sbilanciarsi. Clicca per attivare l'animazione. © SpaceX

Strada in salita. Noi le definiremmo papere, che tuttavia sono state necessarie per arrivare al successo: oggi SpaceX è in grado di far atterrare verticalmente il primo stadio del Falcon 9 sulla terraferma e su una piattaforma galleggiante in mare, come si ricorda alla fine del video. Che mostra una serie di scivoloni commessi dal 2013 ad oggi, inclusi errori di mira con razzi finiti in acqua, esaurimenti precoci di propellente, rientri troppo violenti, errori dei radar... per un filmato di due minuti pieno di disastri spettacolari.

Una danza imprevista dovuta a un errore dei radar. Clicca per attivare l'animazione. © SpaceX

Bilancio positivo. Finora sono stati 21 i tentativi di rientro controllato del primo stadio del Falcon 9 (su 41 lanci); 16 sono andati a buon fine, e il primo successo è del 2015.

Tra qualche anno forse, Musk parlerà con la stessa leggerezza dei test di lancio del Falcon Heavy, il lanciatore progettato per portare l'uomo su Marte e sulla Luna, il cui battesimo previsto per fine anno si preannuncia difficile.

14 settembre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us