Spazio

CIMON, il nuovo astronauta robot

Morto un Robonaut se ne fa un altro: ultimi mesi di addestramento per il nuovo robot destinato alla Iss.

Robot che scendono e robot che salgono, letteralmente, a 400 km sulle nostre teste, alla Stazione spaziale internazionale: dopo 7 anni di travagliata permanenza in orbita Robonaut è stato fatto rientrare, e al suo posto sta per arrivare CIMON (Crew Interactive Mobile Companion). Figlio di Airbus e IBM, pesa 5 kg ed è progettato per fluttuare liberamente nella microgravità della Iss con il compito di fornire agli astronauti informazioni e dati sui sistemi di bordo e sugli esperimenti in corso.

Intelligente e sorridente. CIMON è un equipaggiato con l'intelligenza artificiale di IBM: dialoga grazie a sofisticati sistemi vocali ed ha un grande schermo che, quando non visualizza numeri e grafici, presenta un volto sorridente in perfetto stile cartone animato. La sua AI è basata su reti neurali, una tecnologia informatica che simula i meccanismi di funzionamento del cervello umano: secondo i suoi progettisti, è così evoluto che per gli astronauti diventerà un vero e proprio collega di lavoro.

A scuola di Spazio. Al momento CIMON sta perfezionando le sue conoscenze di tutto quello che gli servirà durante la permanenza in orbita con l'astronauta Alexander Gerst, che lo accompagnerà sulla ISS il prossimo ottobre. Ma dal 2016, quando è stato avviato il progetto, ha avuto oltre 50 insegnanti tra esperti di robotica, di AI e programmatori, e in questo periodo ha imparato a orientarsi nella Iss, a muoversi in microgravità senza fare danni e... a riconoscere Gerst grazie a foto, video e campioni della sua voce.

Nello Spazio il robot lavorerà insieme ai colleghi umani su campioni di cristalli di varia natura, assisterà a diversi esperimenti medici durante i quali "lavorerà" come telecamera interattiva. Per la ricreazione avrà un cubo di Rubik.

7 marzo 2018 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us