Spazio

Che cosa ci fanno questi ragni su Marte?

Li ha fotografati l'orbiter di ExoMars ma non sono - naturalmente - quel che sembra: si formano su Marte nel passaggio tra l'inverno e la primavera.

Sono ragni, questi che sembrano zampettare nella regione del polo sud di Marte? Se non sapessimo che è impossibile saremmo pronti a scommetterci, tanto è la somiglianza con gli aracnidi terrestri. Fortunatamente però, la foto che vedete, catturata dal Trace Gas Orbiter della missione dell'ESA ExoMars mostra un altro, non meno affascinante, fenomeno in corso sul Pianeta Rosso.

Fontane di gas e fango. Come spiegato sul sito dell'ESA, queste figure scure si formano su Marte durante il passaggio tra l'inverno e la primavera marziani, quando i raggi del Sole ricadono sugli strati ghiacciati di anidride carbonica depositati sulla superficie nei mesi più freddi. Per effetto del calore, il ghiaccio di CO2 negli strati inferiori sublima in gas che si accumula e risale in superficie, rompendo gli strati sovrastanti spessi anche un metro. Il gas così creatosi trascina con sé polveri e sabbie scure dal sottosuolo e si libera in superficie formando dei geyser, che fanno ricadere il loro carico sui ghiacci circostanti.

Illusioni protettive. Depositandosi, il materiale espulso dai geyser crea sulla superficie di Marte questi motivi a forma di ragno, che nella realtà hanno un diametro compreso tra i 45 metri e fino a un chilometro e sono molto diversi dalle centinaia di aracnidi che ci pare di vedere nella foto qui sopra.

Il fatto che l'occhio umano tenda a riconoscere forme familiari in immagini inedite e con strutture che non conosce è perfettamente spiegabile con il meccanismo psicologico della pareidolia (dal greco èidōlon, "immagine", con il prefisso parà, "vicino").

In sostanza il cervello cerca di dare un senso al mondo attorno a noi rintracciando in esso regolarità e pattern già noti, e usandoli per decidere se è il caso di difendersi o fuggire. Questo fenomeno, che ai nostri antenati salvava la vita, ci ha costretto già in passato a rintracciare nelle rocce su Marte facce, cucchiai fluttuanti, ammoniti e altre inesistenti amenità.

27 aprile 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us