Spazio

Il rover cinese inviato sul lato nascosto della Luna torna in letargo

Che fine ha fatto il rover cinese che sta esplorando il lato a noi invisibile della Luna? Concluso l'ottavo giorno (lunare) di esplorazione, torna in modalità "dormiente".

La missione cinese Chang’E-4, costituita da una piattaforma su cui sono posti vari strumenti e da un rover, è di nuovo entrata in modalità riposo per sopravvivere alla fredda notte lunare che si accinge a trascorrere. L’Agenzia Spaziale Cinese ha fatto anche sapere che sia la piattaforma principale, sia il rover Yutu-2 funzionano perfettamente (quest'ultimo ha percorso 279 metri dal momento in cui è sceso dalla sonda madre).

la Cina sulla Luna: le foto da Chang'e-4 e dal suo rover, Yutu-2
Un'immagine del rover cinese Yutu-2, mentre muove i primi passi sul suolo del lato nascosto della Luna. Vedi anche: Chang'e-4 e Yutu-2, le foto dal lato nascosto della Luna. © CLEP/CNSA

Atterraggio morbido. La sonda Chang’E-4 era stata lanciata l’8 dicembre 2018 ed era atterrata nel cratere Von Karman il 3 gennaio di quest’anno diventando la prima sonda ad atterrare in modo dolce sul lato della Luna che risulta a noi nascosto.

Dopo l’atterraggio si sperava che il rover potesse sopravvivere per un giorno o al limite due giorni lunari, e invece al momento ne ha già trascorsi otto.

Va ricordato che un giorno lunare equivale a 14 giorni terrestri dopodiché si passa alla notte lunare (altri 14 giorni terrestri).

Chiuso per radiazioni. Sia il rover sia la sonda madre alimentano i propri esperimenti di bordo con pannelli solari che, di notte, vengono chiusi su se stessi per proteggerli dalle radiazioni cosmiche.

L’Agenzia Spaziale Cinese ha infine comunicato che il rover e la sonda hanno trasmesso a Terra una grande quantità di informazioni raccolte, ma purtroppo ad oggi sono pochissime quelle rese pubbliche dagli scienziati cinesi.

13 agosto 2019 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us