Come ci si prepara a cercare la vita su Europa, luna di Giove

Europa, quarta luna di Giove per dimensioni, potrebbe nascondere sotto la superficie di ghiaccio forme di vita semplici nel suo vasto oceano interno. Ecco come si cercherà di scoprirlo.

europa-giove_panorama
Illustrazione: questo potrebbe essere il panorama sulla superficie di Europa.|Nasa

Europa, luna di Giove: insieme a pochi altri corpi celesti è considerata una potenziale "casa" di vita aliena. Come su Encelado (luna di Saturno), la superficie ghiacciata di Europa ricopre un oceano d'acqua liquida profondo diverse decine di chilometri: lì sotto potrebbero esserci temperature e condizioni saline tali da sostenere una qualche forma di vita semplice.

 

La struttura di Europa è stata studiata ai tempi della missione Galileo (Nasa, 1989-2003), che analizzò il pianeta da un'orbita ravvicinata negli anni '90. Oggi sappiamo, grazie anche a osservazioni di altre sonde e a modelli matematici, che le acque risalgono dall'oceano verso la superficie, si intrudono nei ghiacci e talora danno origine a giganteschi geyser, alti anche centinaia di chilometri.

Da tempo gli scienziati sperano di poter studiare quelle emissioni di vapore, anche per dire l'ultima parola sulle condizioni di abitabilità di quell'oceano lontano. C'è però una complicazione di non secondaria importanza: la superficie di Europa è esposta a una pioggia ininterrotta di radiazioni che provengono da Giove - radiazioni che possono distruggere o trasformare il materiale che arriva in superficie, e questo renderebbe difficile comprendere se è davvero rappresentativo delle condizioni interne del satellite.

 

Sistema Solare, Europa, Giove, ricerca della vita, esobiologia, geologia, fisica, astronomia
Le radiazioni provenienti da Giove possono alterare più o meno profondamente le eventuali molecole organiche che arrivano in superficie, falsando così i dati delle ricerche. | Nasa

 

La mappa delle aree critiche. Per ovviare almeno in parte al problema gli scienziati hanno cercato dove le radiazioni colpiscono maggiormente Europa, in superficie e in profondità.

 

Uno studio condotto da ricercatori del JPL e del dipartimento di fisica applicata della Johns Hopkins University, pubblicato su Nature Astronomy, ha portato a una mappatura delle zone irradiate sulla base dei dati della sonda Galileo e della Voyager 1: quella mole di informazioni ha permesso di misurare l'energia degli elettroni che impattano la superficie della luna di Giove (un indicatore della quantità di radiazioni).

 

Lo studio ha rivelato che il bombardamento è più intenso sulle zone equatoriali (e in generale su oltre la metà della superficie del satellite), per diminuire in prossimità delle fasce polari.

 

Sistema Solare, Europa, Giove, ricerca della vita, esobiologia, geologia, fisica, astronomia
In rosa la distribuzione delle radiazioni sulla superficie di Europa. | Nasa

 

L'analisi dei dati ha mostrato anche fino a quali profondità penetrano le radiazioni: «Dove l'intensità è maggiore», afferma Tom Nordheim, coordinatore dello studio, «le radiazioni penetrano nei ghiacci anche per 10-20 centimetri, mentre nelle zone polari si fermano a meno di 1 centimetro di profondità».

 

A partire da queste basi gli scienziati possono adesso elaborare modelli ad hoc per ipotizzare che cosa potrebbe succedere a eventuali molecole della vita, per esempio gli aminoacidi, quando avvicinandosi alla superficie si espongono al bombardamento di radiazioni. I nuovi studi sono fondamentali per definire con precisione le orbite della missione Europa Clipper (Nasa), il cui lancio è previsto attorno al 2022, che avrà anche il compito di cercare indizi di possibili forme di vita.

 

 

28 Luglio 2018 | Luigi Bignami