Spazio

Centinaia di galassie occultate dalla Via Lattea

Individuate centinaia di galassie ​​nascoste dalle polveri del disco della nostra Galassia.

Un gruppo internazionale di radioastronomi è riuscito a individuare una zona di cielo pressoché inesplorata. La porzione di cielo era nascosta alla nostra vista dalla presenza stessa della nostra Galassia, in particolare dal denso agglomerato di stelle e nubi di polveri che si concentrano nel piano della Via Lattea.

I ricercatori sono riusciti a scovarla attraverso una lunga serie di osservazioni con il radiotelescopio da 64 metri di diametro dell’Osservatorio di Parkes (Nuovo Galles del Sud, Australia).

Centinaia di galassie finora sconosciute. Le galassie scoperte sono centinaia e si trovano a distanze relativamente piccole in termini astronomici, circa 250 milioni di anni luce, praticamente dietro l’angolo, se consideriamo che conosciamo ormai galassie lontane circa 13 miliardi di anni luce, al confine estremo dell’Universo.

Le galassie che sono state individuate sono 883, di cui circa un terzo non erano mai state osservate in precedenza. Questi risultati hanno richiesto un lunghissimo lavoro, prima osservativo e poi di elaborazione dei dati raccolti.

Rappresentazione artistica che mostra le onde radio provenienti da una zona di cielo nascosta dal disco della Via Lattea, che riescono a superare le dense nubi di polvere che impediscono alle altre radiazioni di giungere sino a noi. © ICRAR

Un lavoro da certosini. Basti pensare che le osservazioni sono state effettuate tra il 1997 e il 2000, quasi 20 anni fa, a dimostrazione di quanto tempo può essere necessario per elaborare, analizzare e pubblicare i complessi dati provenienti dai grandi radiotelescopi.

Una sfida che diverrà ancora più impegnativa a partire dal prossimo decennio, quando il futuro ciclopico radiotelescopio Square Kilometre Array (SKA), un progetto internazionale che vede coinvolti 20 Paesi e la cui realizzazione prevede l’installazione di migliaia di antenne interconnesse tra di loro in Australia e Sud Africa. La superficie di raccolta totale di queste antenne sarà di oltre un chilometro quadrato. L’avvento di SKA spingerà la problematica dell’elaborazione dei dati a livelli estremi.

Il "Grande Attrattore" è ancora un mistero. La scoperta delle galassie “nascoste” potrebbero aiutare a spiegare un'anomalia gravitazionale al centro del Superammasso Locale, chiamato anche Superammasso della Vergine. Questa anomalia fa convergere verso un punto dello spazio, noto come Grande Attrattore, centinaia di migliaia di galassie, compresa la Via Lattea, come se si trovassero sotto l'influenza di una forza gravitazionale equivalente a un milione di miliardi di Soli.

Nel loro studio, i radioastronomi coordinati da Lister Staveley-Smith hanno cercato di arrivare a capo di questo misterioso Grande Attrattore, i cui effetti furono riscontrati già negli anni ‘70 e ’80, senza arrivare in seguito a una spiegazione convincente di questo fenomeno. «In tutta franchezza, noi non capiamo che cosa stia causando questa accelerazione gravitazionale sulla Via Lattea o da dove provenga», ha affermato Staveley-Smith.

«Sappiamo però che in questa regione si trovano alcuni raggruppamenti molto grandi di galassie, che chiamiamo ammassi (cluster) o superammassi, e tutta la nostra Via Lattea si sta muovendo verso di loro ad una velocità superiore ai 2 milioni di km/h».

Anche se complessivamente queste strutture non hanno una massa sufficiente a spiegare il Grande Attrattore (una galassia media contiene un centinaio di miliardi di stelle) la loro scoperta fa supporre che si sia sulla strada giusta e che ulteriori ricerche in quella porzione del cielo permetteranno di spiegare completamente questa misteriosa anomalia.

22 febbraio 2016 Mario Di Martino
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us