Spazio

Cazza la randa! Si salpa per Marte

Allo studio un sistema per viaggiare nello Spazio spinti da un vento di ioni. In 90 giorni si va e torna dal pianeta rosso.

Cazza la randa! Si salpa per Marte
Allo studio un sistema per viaggiare nello Spazio spinti da un vento di ioni. In 90 giorni si va e torna dal pianeta rosso.

Una boa spaziale al largo di Giove.
Una boa spaziale al largo di Giove.

Il maggior ostacolo all'esplorazione dello spazio da parte di equipaggi umani è senza dubbio la distanza: enorme. Con la tecnologia attuale un viaggio di andata e ritorno tra la Terra e Marte richiederebbe non meno di due anni e mezzo. Un team di ricercatori dell'Università di Washington sta però sviluppando un sistema di propulsione per percorrere lo stesso tragitto in soli 90 giorni.
Il cuore del progetto è un sistema di spinta noto all'uomo fin dalla notte dei tempi, e cioè quello della vela.
Vento (spaziale) in poppa.Robert Winglee e il suo team pensano infatti di utilizzare una stazione spaziale come base su cui installare un generatore di particelle elettricamente caricate, o ioni; tali particelle, convogliate in un unico grande fascio, andrebbero a urtare contro una vela magnetica montata su una navicella spaziale. Le carica repulsiva delle particelle, interagendo con il campo magnetico della vela fornirebbe al vascello cosmico la spinta per avanzare.
Regate tra le stelle. Secondo i progettisti, la velocità del velivolo aumenterebbe con le dimensioni del fascio di particelle: un fascio di 32 metri di diametro potrebbe far viaggiare il mezzo a 11,7 km al secondo (poco più di 42 mila km/h.) A questa velocità, calcolando la distanza media tra la Marte e la Terra, ci vorrebbero circa 76 giorni per compiere il viaggio. Ma ottimisticamente i ricercatori affermano che ci sono margini di miglioramento.
Alla fine del percorso, un altro generatore di particelle fornirebbe la contro-spinta necessaria per arrestare la corsa del mezzo, e allo stesso tempo fornirebbe il “vento spaziale” per il ritorno.
Con il sistema di Winglee le sonde spaziali saranno più piccole e leggere perché non avranno bisogno di potenti motori e scorte di carburante.
Boe cosmiche. Una rete di stazioni spaziali dislocate in vari punti del cosmo ed equipaggiate con generatori di ioni, renderebbe possibili viaggi in tutta la galassia. Le stazioni più vicine al Sole potrebbero ricavare l'energia necessaria al proprio funzionamento da pannelli fotovoltaici, mentre quelle più lontane verrebbero alimentate con energia nucleare.
La Nasa ha dimostrato interesse nel progetto e ha finanziato con 75.000 dollari un primo studio della durata di 6 mesi. A patto di trovare tutti i necessari fondi, e si parla di milioni di dollari, i primi esperimenti potrebbero essere portati a termine entro 5 anni.

(Notizia aggiornata al 25 ottobre 2004)

22 ottobre 2004
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us