Spazio

L’ultima fotografia di Saturno: ecco l'addio di Cassini

È un’immagine simbolica - ai colori reali - che ricorderà la straordinaria missione di Cassini, la sonda che rimase attorno a Saturno per oltre un decennio.

Poco prima di precipitare all'interno di Saturno, dopo quasi 13 anni di ricerche trascorse attorno ad esso, la sonda Cassini dell'Agenzia Spaziale Europea e della NASA ha realizzato una serie di immagini che sono state assemblate in questi giorni e hanno permesso di ottenere un'immagine simbolica e rappresentativa di quel che è stata la missione. Insomma, una foto d'addio in piena regola.

Il 13 settembre la macchina fotografica grandangolare della sonda ha acquisito 42 immagini dell'intero pianeta, dei suoi principali anelli e di alcuni satelliti: Prometeo, Pandora, Janus, Mimas ed Encelado (guarda anche la foto annotata). Le immagini poi sono state assemblate in un mosaico che mostra Saturno nei suoi colori naturali.

L'ultima immagine del pianeta prima di precipitare.È solo parziale. © NASA

Un addio difficile. Robert West, responsabile delle immagini del gruppo di scienziati di Cassini al Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena ha detto: «Quel che ci ha dato Cassini è davvero unico è spettacolare: dall'analisi delle più piccole particelle che costituiscono gli anelli, ai nuovi paesaggi di Titano ed Encelado, fino alle scoperte realizzate sul pianeta stesso».

Elizabeth Turtle, del gruppo di lavoro di West ha aggiunto: «È stato molto difficile dire addio alla sonda in quanto ci eravamo abituati a ricevere quotidianamente immagini e informazioni provenienti dal sistema di Saturno e ogni volta c'era realmente qualcosa di nuovo da imparare».

L'ultima immagine degli anelli di Saturno scattata da Cassini. © NASA

Che storia! Lanciata nel 1997 la sonda Cassini ha orbitato attorno a Saturno dal 2004 al 15 settembre 2017.

All'inizio delle 2015 una sonda, la Huygens, che era rimasta aggrappata alla navicella principale è scesa su Titano, l'unico satellite del sistema solare a possedere laghi, fiumi, montagne e anche un atmosfera che ricorda quella della Terra anche se l'elemento che condensa e piove sulla superficie non è acqua bensì metano.

22 novembre 2017 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us