Spazio

Cassini trova il “Grande Vuoto” vicino a Saturno

Le analisi dei dati del primo tuffo della sonda Cassini nello spazio tra il pianeta e il primo anello indicano che ci sono meno polveri di quanto si ipotizzava: un bene per la missione, ma una nuova domanda per gli scienziati.

Mentre la sonda Cassini si appresta a tuffarsi per la seconda volta nello spazio tra l'atmosfera superiore di Saturno e il primo anello, un corridoio di circa 2.000 km [il passaggio è previsto per oggi, 2 maggio, attorno alle 21:30 ora italiana, N.d.R.], i primi risultati del passaggio precedente - avvenuto il 26 aprile - in elaborazione al JPL della Nasa, soddisfano gli ingegneri ma lasciano profondamente perplessi gli scienziati che seguono la missione.

La ragione è ben sintetizzata da Earl Maize, project manager di Cassini: «La regione tra Saturno e gli anelli è caratterizzata da un "grande vuoto". La quantità di polvere in quest'area è molto inferiore a quanto si ipotizzava».

Nasa, sonda Cassini, Saturno, Sistema Solare, anelli di Saturno
Earl Maize, project manager della missione Cassini, in attesa dei segnali inviati dalla sonda. © Nasa

Questo spiega il sollievo degli ingegneri, che vedono svanire la minaccia rappresentata da polveri e granelli, che colpendo la sonda avrebbero potuto compromettere il funzionamento di qualche strumento.

Come si è fatto per il passaggio del 26 aprile attraverso il primo anello, per ovviare al problema gli ingegneri avevano pensato di utilizzare, anche per i prossimi attraversamenti, l'antenna principale (un disco di 4 metri di diametro) come "scudo" per proteggere gli strumenti, orientando opportunamente la sonda. Adesso questo piano non sembra più necessario e Cassini potrà studiare direttamente le caratteristiche degli spazi vuoti e degli anelli puntando senza problemi e nella direzione migliore i suoi strumenti.

Nasa, sonda Cassini, Saturno, Sistema Solare, anelli di Saturno
In questi grafici si vede, in alto, l'elevata concentrazione di granelli di polvere (in rosso) rilevati durante il passaggio tra gli anelli più lontani di Saturno. In basso i granelli sono pochissimi, quasi assenti. © Nasa

Micron di polveri. Prima che Cassini venga fatta precipitare su Saturno, il prossimo 15 settembre, sono previsti 22 passaggi tra gli anelli, dei quali quattro attraverso le fasce più interne degli anelli, dove si ipotizzava una grande quantità di polvere.

Nasa, sonda Cassini, Saturno, Sistema Solare, anelli di Saturno
Il magnetometro (in primo piano) è uno dei due strumenti non del tutto protetti dallo scudo dell'antenna. © Nasa

La scarsità di particelle è stata rilevata dallo strumento RPWS (Radio and Plasma Wave Science), uno dei due sensori che sporgono al di fuori dallo scudo rappresentato dell'antenna (l’altro è il magnetometro).

Quando Cassini passò attraverso il piano degli anelli che stanno all'esterno degli anelli principali di Saturno, l’RPWS rilevò centinaia di particelle al secondo, mentre quando ha attraversato il Grande Vuoto ne ha rilevate pochissime. «È stato disorientante ascoltare i colpi dei granelli di polvere sullo strumento», ammette William Kurth, responsabile dell’RPWS: «pensavo di doverne contare a centinaia, ma non erano più di una decina. Secondo le prime analisi, questi granelli sono molto piccoli, con un diametro di circa un micrometro», ossia un millesimo di millimetro.

Per questo secondo passaggio è programmata una serie di riprese fotografiche molto particolareggiate degli anelli: le immagini dovrebbero essere presentate nella giornata di domani (3 maggio).

2 maggio 2017 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us