Spazio

C’è anche brina (mattutina) su Marte. Dove e come si forma

Non c'è solo acqua su Marte: abbiamo scoperto che sulle vette dei vulcani marziani, ai tropici, si forma anche un sottilissimo, ma esteso velo di brina.

Gli astronauti che andranno a visitare Marte potrebbero osservare della brina depositata in alcune aree del Pianeta rosso. Così dice una ricerca pubblicata su Nature Geoscience. Secondo lo studio infatti, sulle vette dei vulcani che si trovano nella regione equatoriale di Marte, chiamata Tharsis, la brina si stende al mattino lungo un'ampia area sottile come un velo.

Ciclo dell'acqua attivo. Perché questa scoperta è importante, visto che la presenza di acqua su Marte, soprattutto ai Poli, è già nota? All'equatore, l'atmosfera marziana, di per sé sottile, lo è ancor di più e l'irraggiamento solare fa sì che le temperature risultino elevate durante il giorno. La regione di Tharsis, dove è stata osservata la brina, è una zona montuosa situata vicino ai tropici, che presenta alcuni dei vulcani più elevati (ma anche più larghi) del sistema solare, tra cui l'Olympus Mons, alto circa 24-25 chilometri.

Stando alle ricerche condotte dalle sonde che orbitano intorno al pianeta vi sarebbero nubi di ghiaccio d'acqua e elevati livelli di vapore acqueo nell'atmosfera, proprio sopra i vulcani dell'altopiano, a indicare che in queste regioni, potrebbe esserci un ciclo dell'acqua attivo. Tuttavia, almeno teoricamente le condizioni atmosferiche ai tropici non dovrebbero essere favorevoli alla formazione di brina d'acqua, tant'è che fino a oggi, non vi erano mai stati elementi che facessero pensare a fenomeni di condensazione.

Brina - Rilevazioni
La brina all’interno della caldera del vulcano Ceraunius Tholus nelle immagini dello strumento Cassis (a-c) della sonda Exomars Tgo. La brina non si osserva nel pomeriggio (d). © Adomas Valantinas

Brina in vetta. «Sottilissima ma vasta», spiega Giovanni Munaretto, ricercatore all'Inaf di Padova e coautore dello studio, «Non ci aspettavamo la presenza di ghiaccio d'acqua sulla caldera dei vulcani marziani, poiché la brina si osserva solitamente sulla superficie ad altitudini molto basse. Al contrario con lo strumento Cassis (che si trova a bordo della sonda ExoMars) abbiamo notato che al mattino apparivano dei depositi blu, riconducibili a ghiaccio d'acqua».

solo al mattino. Secondo quanto osservato dalle sonde europee in orbita attorno al Pianeta rosso, la brina sarebbe presente solo per poche ore dopo l'alba prima di svanire alla luce del Sole. Il velo di brina che si crea è molto sottile, ma esteso: appena un centesimo di millimetro, che però equivale a 150mila tonnellate d'acqua (circa 60 piscine olimpioniche).

Questo è possibile perché sopra le vette dei vulcani vi dovrebbe essere una particolare circolazione dell'aria, che crea un microclima unico e permette la formazione di sottili chiazze di brina. Individuare il processo attraverso il quale si formano le gelate potrebbe consentire agli scienziati di svelare altri segreti di Marte, tra cui capire dove si trova l'acqua e come si muove, nonché comprendere le dinamiche atmosferiche del pianeta.

22 giugno 2024 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us