Bolide verde sopra l'Italia

Ieri 24/10, alle 18:40, una luminosissima stella cadente è stata vista dal Lazio alle Alpi. Si tratta di un bolide, cioè un sasso spaziale che per l'attrito con l'atmosfera si è scaldato talmente da diventare luminoso e disintegrarsi.

meteor
Un'immagine di repertorio di un bolide in caduta e frammentazione. In questo caso, col cielo scuro, è stato addirittura possibile fotografare i frammenti.

Si moltiplicano i post e le immagini sui social: l'avvistamento celeste di ieri sera (24 ottobre, ore 18:40 circa) ha lasciato molte persone sorprese e in cerca di risposte. Si è trattato di un bolide, di una "stella cadente": un oggetto grande e ben visibile nel cielo della sera.

 

Ecco il bolide di ieri.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Meteo Da Correggio (@meteodacorreggio) in data:

 

bolide, 24/10/2018, italia, tramonto
Il bolide del 24 ottobre 2018 invade la foto di un tramonto bresciano. | Enrico Forza

Colpa delle comete. è possibile che il sasso spaziale fosse un piccolo pezzo della cometa di Halley. In questo periodo infatti la Terra passa nella zona in cui Halley ha lasciato dei detriti. Questi, cadendo verso di noi, creano lo sciame meteorico delle Orionidi: le stelle cadenti visibili ogni fine ottobre.

 

Quando una roccia cade verso la Terra incontra l'atmosfera e, per l'attrito con l'aria, viene scaldata talmente tanto da sublimare (ovvero passa direttamente dallo stato solido a quello gassoso). Questo fenomeno libera molta energia, e perciò molta luce.

 

bolide, meteora, camera
Un bolide attraversa il cielo. Camere "all-sky" come quella utilizzata per catturare questa immagine sono utili per estrapolare informazioni incrociate sulla traiettoria dell'oggetto, permettendo di individuare il punto di caduta. | FRIPON

Dimmi il colore e ti dirò chi sei. Nel caso recente, la meteora era talmente grande (e quindi luminosa) da essere visibile anche alle luci del tramonto. Gli spettatori hanno potuto addirittura identificare il colore del bolide come verde-azzurro. Grazie questo è possibile risalire alla composizione del bolide: in questo caso la meteora era ricca di ferro, magnesio e nickel.

25 Ottobre 2018 | Davide Lizzani