Spazio

Aurora? No, foto mossa (ma suggestiva)

In Rete circola una foto del celebre alpinista Marco Confortola che sembra mostrare un'aurora boreale in Valtellina. Probabilmente non è così.

Tutto inizia da una foto che un personaggio noto, come l'alpinista Marco Confortola, pubblica sulle sue pagine Facebook e Instagram il 30 ottobre. L'immagine mostra un profilo di montagne che Confortola ha ripreso all'alba salendo sul Gran Zebrù, nel gruppo Ortles-Cevedale, in Trentino-Alto Adige. Sullo sfondo, una striscia di luce che si arrampica nel cielo. Considerando che nelle ultime settimane l'attività solare è stata piuttosto alta, l'immagine inizia a girare nel web, interpretata come un'aurora visibile a latitudini eccezionalmente basse, come quelle dell'Italia.

Attività Solare sì, ma non così tanta. Ma iniziano anche i dubbi. «La mattina del 30 ottobre, quando la foto è stata scattata, l'indice Kp era tra 1 e 3, su una scala che va da 0 a 9», sottolinea Emanuele Balboni, astrofisico ed esperto di astrofotografia. Questo indice valuta il disturbo prodotto dal vento solare nel campo magnetico terrestre e, indirettamente, suggerisce quale sia la probabilità che si formino aurore polari.

«Un valore tra 1 e 2 significa che posso vedere aurore in Finlandia o in Islanda, non alle latitudini dell'Italia. Anche nella notte successiva, tra il 30 e il 31, quando sono arrivati sulla Terra gli effetti dell'eruzione solare che si è verificata il 28 ottobre, l'indice ha raggiunto valori tra 4 e 5, non sufficienti per vedere aurore dall'Italia», precisa Balboni. Quella notte sembra che, per esempio, una timida aurora sia stata avvistata da Rotterdam, in Olanda, ben più a nord del nostro Paese.

Il post originale di Marco Confortola relativo alla foto controversa.
Il post originale di Marco Confortola relativo alla foto controversa. © Marco Confortola

Il profilo della luce. E allora, cosa ha fotografato Confortola all'alba del 30 ottobre? Innanzitutto, l'alpinista non ha scritto nei suoi post che si trattava di un'aurora. Ha parlato soltanto di "immagine pazzesca", nel senso di suggestiva. E, come ha sottolineato in un nuovo post di oggi, non è un esperto di fenomeni celesti e quindi non ha avanzato ipotesi su cosa avesse fotografato; ma intanto la foto era rimbalzato nella Rete, dato che Confortola su Facebook ha oltre 80.000 follower.

«L'ipotesi più probabile è che si tratti della luce dell'alba, che a causa di un "mosso" involontario verso il basso a sinistra ha prodotto la striscia di luce. Questo sembrerebbe confermato dal fatto che il profilo superiore della luce segue quasi esattamente con quello delle montagne in basso nell'immagine», spiega Balboni. «E il colore della striscia di luce, giallastro, è lo stesso che si vede più in basso, cioè quello dell'alba». Un colore che non è impossibile per le aurore, ma molto inusuale, dato che la maggior parte di esse si manifestano con toni di verde e di rosso.

Insomma, molto clamore su qualcosa che qualcuno ha rilanciato troppo frettolosamente interpretandolo a modo suo. E i social hanno fatto il resto.

3 novembre 2021 Gianluca Ranzini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us