Astronomy Photographer of the Year 2019: i vincitori

Le più belle foto di Spazio che hanno vinto l'Insight Astronomy Photographer of the Year, il concorso dell'osservatorio astronomico di Greenwich.

astronomy-photographer-of-the-year-2019-francsicsastronomy-photographer-of-the-year-2019-the-watcherastronomy-photographer-of-the-year-2019-rolf-wahl-olsenastronomy-photographer-of-the-year-2019-alan-friedmanastronomy-photographer-of-the-year-2019-ben-bushastronomy-photographer-of-the-year-2019-andy-caselyastronomy-photographer-of-the-year-2019-davy-van-der-hoevenastronomy-photographer-of-the-year-2019-ignacio-diaz-bobilloastronomy-photographer-of-the-year-2019-wang-zhengApprofondimenti
astronomy-photographer-of-the-year-2019-francsics

Sono state svelate le immagini vincitrici dell'edizione 2019 dell'Astronomy Photographer of the Year, il concorso più prestigioso dedicato alla fotografia astronomica, che quest'anno ha richiamato professionisti da novanta Paesi e raccolto ben 4.600 scatti.
Ecco quelli che si sono distinti nelle diverse categorie.

Vincitore assoluto del premio e della categoria Luna
Into the Shadow di László Francsics (Ungheria)
Francsics ha fissato l'eclissi totale di Luna del 21 gennaio 2019 componendo 35 esposizioni effettuate a intervalli di tre minuti. Il risultato è questa immagine unica, in cui le 35 pose sembrano fondersi perfettamente in un'unica foto.
Lo vedete quel riflesso blu ai margini dell'ombra? È causato dalla riflessione della luce solare sugli strati alti della nostra atmosfera, laddove la concentrazione di ozono è maggiore. Questo gas assorbe meglio i raggi rossi a corta lunghezza d’onda e fa passare i blu. Ed ecco che la luna da rossa diventa blu.

astronomy-photographer-of-the-year-2019-the-watcher

Vincitore categoria Aurore boreali
The Watcher di Nicolai Brügger (Germania)
Il fotografo si è arrampicato sulla cima innevata del monte Offersøykammen, nelle isole Lofoten, per catturare in tutta la sua maestosità l'aurora boreale, che si dispiega ad arco al di sopra della catena montuosa. Uno spettacolo mozzafiato!

astronomy-photographer-of-the-year-2019-rolf-wahl-olsen

Vincitore categoria Galassie
Shells of Elliptical Galaxy NGC 3923 in Hydra di Rolf Wahl Olsen (Danimarca)
Ecco l'immagine di NGC 3923, una galassia della costellazione Idra di forma ellittica che si trova a 90 milioni di anni luce da noi. Le stelle della galassia sono disposte a strati, tanto da formare gusci concentrici. Si ritiene che queste particolari strutture, presenti in molte galassie ellittiche, siano una conseguenza del cannibalismo galattico, un processo violento per cui galassie più grandi divorano compagne più piccole.

astronomy-photographer-of-the-year-2019-alan-friedman

Vincitore categoria Il nostro Sole
A Little Fireworks di Alan Friedman (USA)
Un primo piano della superficie del Sole da cui sembrano sprigionarsi fuochi di artificio, che in realtà sono protuberanze solari che si stagliano sullo sfondo dello spazio.

astronomy-photographer-of-the-year-2019-ben-bush

Vincitore categoria Persone e Spazio
Ben, Floyd and the Core di Ben Bush (Regno Unito)
L'autoscatto ritrae il fotografo con il suo cane, Floyd. Alle loro spalle la via Lattea, Marte e Saturno. Per ottenere questo risultato, Ben Bush ha utilizzato un'esposizione di 10 secondo, durante I quali – dopo numerosi tentativi infruttuosi – è riuscito a far star fermo il suo cane.

astronomy-photographer-of-the-year-2019-andy-casely

Vincitore categoria Pianeti, Comete e Asteroidi
Death of Opportunity di Andy Casely (Australia)
La sequenza delle immagini mostra l'avanzare di una tempesta di polvere sul Pianeta Rosso nel 2018. Non una tempesta qualsiasi, ma quella che si è rivelata fatale per la sopravvivenza di Opportunity, il rover che per oltre 14 anni ha scattato e inviato sulla Terra immagini di Marte. Il primo scatto di questa sequenza – a sinistra - è del 26 maggio 2018 e precede la tempesta, che raggiunge il suo culmine tra il 6 e l'11 giugno oscurando Opportunity.

astronomy-photographer-of-the-year-2019-davy-van-der-hoeven

Vincitore categoria giovane astronomo dell'anno
Stellar Flower di Davy van der Hoeven (Olanda)
L'autore di questa foto della nebulosa Rosetta ha soltanto 11 anni e ha vinto il primo premio nella categoria dedicata ai giovani.

astronomy-photographer-of-the-year-2019-ignacio-diaz-bobillo

Vincitore categoria Stelle e Nebulose
Statue of Liberty Nebula di Ignacio Diaz Bobillo (Argentina)
L'avete notata la Statua della Libertà che sembra stagliarsi nella nebulosa a destra? La nebulosa si chiama NGC 3576 e si trova a 8.000 anni luce dalla Terra.

astronomy-photographer-of-the-year-2019-wang-zheng

Vincitore categoria Paesaggi lunari
Across the Sky of History di Wang Zheng (Cina)
Questa immagine mistica di pioppi morti è stata scattata nella regione mongola di Ejina. Il paesaggio è spettrale e nelle notti in cui cade una meteora, le piante sembrano assumere le sembianze di creature del deserto.

Sono state svelate le immagini vincitrici dell'edizione 2019 dell'Astronomy Photographer of the Year, il concorso più prestigioso dedicato alla fotografia astronomica, che quest'anno ha richiamato professionisti da novanta Paesi e raccolto ben 4.600 scatti.
Ecco quelli che si sono distinti nelle diverse categorie.

Vincitore assoluto del premio e della categoria Luna
Into the Shadow di László Francsics (Ungheria)
Francsics ha fissato l'eclissi totale di Luna del 21 gennaio 2019 componendo 35 esposizioni effettuate a intervalli di tre minuti. Il risultato è questa immagine unica, in cui le 35 pose sembrano fondersi perfettamente in un'unica foto.
Lo vedete quel riflesso blu ai margini dell'ombra? È causato dalla riflessione della luce solare sugli strati alti della nostra atmosfera, laddove la concentrazione di ozono è maggiore. Questo gas assorbe meglio i raggi rossi a corta lunghezza d’onda e fa passare i blu. Ed ecco che la luna da rossa diventa blu.