Spazio

L'astronave di SpaceX suda... e cade

La nuova astronave Starship Hopper è costruita con un acciaio inossidabile microforato che le permette di traspirare acqua per perdere calore. Ma il suo prototipo è stato spazzato via dal vento.

La Starship Hopper è l'astronave che porterà nuovamente l'uomo attorno alla Luna e forse, un giorno, anche su Marte. Appena presentata ha subito attirato l'attenzione per il suo stile retrò. Ora però è una dichiarazione del presidente di SpaceX ad interessare: la navicella... suda.

Starship, Elon Musk, SpaceX, turismo spaziale, Luna, astronavi
A sinistra il razzo in una storia degli anni 40. A destra l'astronave appena presentata da SpaceX.

Meglio doppio. In un'intervista Elon Musk ha spiegato perché l'esterno dell'astronave sarà in acciaio inossidabile e non in fibra di carbonio come precedentemente programmato. I rivestimenti sono fatti di un doppio strato di acciaio che all'interno avrà dell'acqua (o del carburante). Il liquido, passando attraverso micro-fori nello scafo, potrà uscire e raffreddare lo strato esterno della navicella.

Nuova tecnologia. Secondo Musk, il doppio strato di acciaio rende la struttura più resistente. Inoltre, rispetto alla fibra di carbonio, l'acciaio è più economico, che per un imprenditore ha la sua importanza. «Hai uno scudo termico che fa anche da elemento strutturale» ha dichiarato Musk. «Che io sappia, non è mai stato fatto prima».

Brutta caduta. La brutta notizia arrivata nel frattempo è che il momento del collaudo si farà attendere più del previsto: una nottata di vento molto forte in Texas ha fatto cadere su un fianco la navicella e ci vorranno delle settimane per ripararla. Il prototipo dell'astronave che dovrebbe portare l'uomo su Marte sembra non voler lasciare la Terra.

24 gennaio 2019 Davide Lizzani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us