Spazio

Con il tuffo in mare della navicella Orion si conclude la missione Artemis I: è stato un successo

La navicella Orion si è appoggiata dolcemente sulla superficie dell'oceano Pacifico e ha concluso con successo la missione Artemis. E ora?

La navicella Orion della NASA è ammarata nell'Oceano Pacifico, a ovest della Baja California, alle 18:40 (ore italiane) di domenica 11 dicembre, al termine di Artemis I, una missione da record durante la quale ha coperto più di 2,25 milioni di chilometri lungo un percorso intorno alla Luna e di ritorno sulla Terra.

Lo splash. L'ammaraggio, secondo la NASA, è la pietra miliare finale della missione Artemis I, iniziata con il decollo del razzo Space Launch System (SLS) il 16 novembre, dalla piattaforma di lancio 39B del Kennedy Space Center della NASA in Florida. Nel corso di 25 giorni e mezzo, la NASA ha messo alla prova Orion nel difficile ambiente dello spazio profondo, in vista della prossima missione, Artemis II, che prevede la presenza di astronauti a bordo.

«L'ammaraggio della navicella Orion - avvenuto a 50 anni dall'atterraggio sulla Luna dell'Apollo 17 - è il coronamento di Artemis I. Dal lancio del razzo più potente del mondo all'eccezionale viaggio intorno alla Luna e di ritorno sulla Terra, questo test di volo è un importante passo avanti nella generazione Artemis dell'esplorazione », ha dichiarato l'amministratore della NASA Bill Nelson.

stressato. Durante la missione, Orion ha effettuato due "flyby" (ovvero due passaggi ravvicinati) della Luna, arrivando a 130 km dalla superficie lunare. Alla sua massima distanza durante la missione, Orion ha viaggiato a oltre 430mila km dal nostro pianeta natale, più di 1.000 volte più lontano del punto in cui la Stazione Spaziale Internazionale orbita intorno alla Terra, per sottoporre  intenzionalmente i sistemi a "stress" prima di far volare l'equipaggio.

Orion in discesa
La capsula Orion durante la fase di discesa, frenata dai paracaute, che ha preceduto l'ammaraggio. © Nasa

«Con il rientro a Terra di Orion in sicurezza, possiamo iniziare a vedere all'orizzonte la nostra prossima missione, che porterà per la prima volta un equipaggio sulla Luna», ha dichiarato Jim Free, amministratore associato della NASA per l'Exploration Systems Development Mission Directorate.

Che frenata! Prima di entrare nell'atmosfera terrestre, il modulo dell'equipaggio, la capsula vera e propria, si è separato dal modulo di servizio, che è il motore propulsivo fornito dall'ESA. Durante il rientro, Orion ha sopportato temperature pari alla metà di quelle della superficie del Sole, a circa 2.800 gradi centigradi. In circa 20 minuti, Orion ha rallentato da quasi 40.000 km/h a circa 32 km/h per l'ammaraggio assistito da paracadute.

Durante il test di volo, Orion è rimasta nello spazio, senza agganciarsi a una stazione spaziale, più a lungo di qualsiasi altro veicolo spaziale progettato per avere astronauti a bordo.

Mentre si trovava in una lontana orbita lunare, Orion ha superato il record di distanza percorsa da una navicella spaziale progettata per trasportare esseri umani, stabilito in precedenza da Apollo 13.

«Orion è tornata dalla Luna e si trova al sicuro sul pianeta Terra», ha dichiarato Mike Sarafin, responsabile della missione Artemis I. «Abbiamo dimostrato che è in grado di resistere alle condizioni estreme del rientro nell'atmosfera terrestre dalle velocità lunari».

E ora? Nei prossimi giorni, Orion sarà trasferita al Kennedy Space Center, dove le squadre apriranno il portello e scaricheranno i suoi carichi utili, tra cui il "comandante" Moonikin Campos, gli esperimenti di biologia spaziale, la pecora Shaun... Successivamente, la capsula e il suo scudo termico saranno sottoposti a test e analisi nel corso per alcuni mesi.

Artemis I è stato il primo test integrato dei cosiddetti "sistemi di esplorazione dello spazio profondo della NASA – cioè la navicella Orion, il razzo SLS e i sistemi di supporto a terra: grazie alle missioni Artemis, la NASA farà atterrare la prima donna sulla superficie della Luna, aprendo la strada a una presenza lunare a lungo termine e facendo da trampolino di lancio per gli astronauti diretti verso Marte. 

12 dicembre 2022 Roberto Graziosi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us