Spazio

Architetti robot su Marte per costruire le prime colonie

Un ingegnere della NASA propone di inviare su Marte speciali robot costruttori perchè realizzino le infrastrutture necessarie all'accoglienza dei primi coloni. Fantascienza?

Una delle poche certezze relativamente alla conquista di Marte è che sarà… una faticaccia. Dopo un viaggio lungo 9 mesi gli astronauti arriveranno in un luogo decisamente inospitale dove dovranno iniziare a costruire i primi insediamenti.

Non sarebbe più comodo atterrare sul pianeta rosso e poter trovare, magari non un resort a quattro stelle, ma almeno una strada e un luogo coperto e climatizzato dover poter abitare?

Un robot all'opera. | NASA/B. Khoshnevis/USC/NIAC

STAMPANTI SPAZIALI. Ci sta pensando Behrokh Khoshnevis, un ingegnere della University of Southern California in forza alla NASA, che da qualche anno sta lavorando alla realizzazione di robot capaci di “stampare” in 3D interi edifici.


Le macchine di Khoshnevis utilizzano un procedimento noto come contour crafting che, di fatto, è del tutto simile a quello della normale stampa 3D per estrusione: il robot costruisce cioè le pareti dell’edificio depositando uno sopra l’altro diversi strati di cemento.

CEMENTO DELL'ALTRO MONDO. E proprio il materiale da utilizzare per la costruzione rappresenta una delle più grande sfide tecnologiche di questo progetto. Esistono infatti diverse ricette per la preparazione del cemento ma nessuno, fino ad oggi, si è mai trovato a dover fare i conti con una sabbia ricca di zolfo come quella marziana.

E, come se non bastasse, non avendo subito processi erosivi intensi come quelli terrestri, questa sabbia ha una grana molto più grossa che rischia di compromettere il funzionamento delle macchine.

Ma costruire in un ambiente extraterrestre potrebbe anche avere qualche vantaggio: per esempio la ridotta gravità e l’assenza quasi totale di venti che dovrebbero permettere la realizzazione di edifici relativamente leggeri rispetto a quelli che si costruiscono sulla Terra.

Il panorama di Marte che non abbiamo mai visto
VAI ALLA GALLERY (N foto)

RESORT IN ROSSO. Cosa potrebbero quindi aspettarsi i primi astronauti che atterreranno su Marte? Se la NASA deciderà di portare avanti il progetto, i primi coloni potrebbero già trovare piste d’atterraggio, strade, ricoveri per i mezzi, scudi protettivi contro le micrometeoriti.


La NASA per ora non si sbilancia: le prime spedizioni umane su Marte sono previste in tempi relativamente brevi - Mars one nel 2024, Space X nel 2026 – che secondo gli scienziati non sono compatibili con la realizzazione e l’invio dei robot costruttori.


Molto più realistica sembra essere l’ipotesi che macchine di questo tipo arrivino su Marte attorno al 2035, ma insieme a un equipaggio umano con il quale collaborare all’insediamento della prima colonia.

La conquista dello spazio per immagini
VAI ALLA GALLERY (N foto)

7 luglio 2014 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us