Spazio

Apollo 13: una missione segnata fin dalla partenza

Prima ancora dell'ormai celebre "Houston abbiamo un problema" l'Apollo 13 ebbe una partenza difficoltosa, che rischiò di fare abortire subito la missione.

11 aprile 1970: dalla rampa di lancio principale del John F. Kennedy Space Center parte l'Apollo 13, la terza missione NASA che avrebbe dovuto portare due astronauti sulla Luna. Iniziò male fin da subito: dopo la partenza uno dei motori del lanciatore, un Saturn V, razzo multistadio a propellente liquido, cessò di funzionare due minuti prima del previsto. La navetta entrò ugualmente in orbita grazie al lavoro del centro di controllo e dell'equipaggio, che riuscirono a fare funzionare gli altri 4 motori per 34 secondi in più del previsto.

13 aprile: due giorni dopo la partenza, quando la navicella si trovava a metà strada circa tra la Terra e la Luna, un serbatoio dell'ossigeno liquido esplose, danneggiando irreparabilmente l'Odyssey, così si chiamava il modulo di comando (dove alloggiava l'equipaggio), e privandolo di elettricità.
 
Gli astronauti furono costretti a trasferirsi subito nel modulo lunare, l'Aquarius, e poi a ingegnarsi per utilizzarne al meglio il motore (progettato per scendere e risalire dalla Luna, non per compiere un tragitto Terra-Luna e ritorno), per economizzare sull'elettricità, per gestire l'insufficienza del sistema di purificazione dell'aria del piccolo modulo - e tutto questo grazie anche all'aiuto da Terra dell'astronauta John Young, comandante dell'equipaggio di riserva della missione, che guidò Jim Lovell (il comandante dell'Odyssey, interpretato poi da Tom Hanks nel film Apollo 13, del 1995), Jack Swigert e Fred Haise a risolvere il problema dell'aria usando i materiali che avevano a disposizione.
 
Fu un enorme sforzo dell'ingegno, della disciplina e dell'amicizia, e permise all'equipaggio di ciò che restava dell'Apollo 13 di circumnavigare la Luna e tornare a Terra, il 17 aprile, ammarando nell'Oceano Pacifico, e di passare alla Storia a dispetto di una missione nata e finita male.

13 aprile 2020 Raymond Zreick
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Qual è la "retta via" indicata dal Corano e dalla Sunna? Come si riflette la Sharìa – la legge divina islamica - sulla vita delle persone e sugli equilibri fra mondo musulmano e occidente? Viaggio nel fondamentalismo religioso, islamico e non solo, per capire cosa succede quando la parola di Dio viene presa alla lettera, non tiene conto dei cambiamenti storici e sociali e si insinua nella politica.

ABBONATI A 29,90€

Come sarà la città del domani? Pulita, tecnologica, intelligente, come quella in costruzione vicino a Tokyo. E in giro per il mondo ci sono altri 38 progetti futuristici che avranno emissioni quasi azzerate nel nome della salute e dell’ambiente. Inoltre, le missioni per scoprire Venere; come agisce la droga dello stupro sul cervello; il paradosso del metano, pericoloso gas serra ma anche combustibile utile per la transizione energetica.

ABBONATI A 29,90€
Follow us