Spazio

Altro che segnali della meteora aliena: erano le vibrazioni di un camion

La meteora inabissatasi nel Pacifico nel 2014 non proveniva da un altro mondo: le onde sonore erano la registrazione del passaggio di un camion su una strada.

L'8 gennaio 2014 una meteora entrò nell'atmosfera terrestre, bruciando così intensamente e a una velocità tale da indurre alcuni scienziati a pensare di avere a che fare con qualcosa di alieno. A sostenere questa teoria fu il fisico Avi Loeb, dell'Università di Harvard, che organizzò un team di ricerca in Papua Nuova Guinea per recuperare in mare dei frammenti ritenuti "portatori" di tecnologia extraterrestre. Oggi, 10 anni dopo, lo scienziato è stata smentito da uno studio presentato il 12 marzo 2024 nell'ambito della Lunar and Planetary Science Conference di Houston da un team della John Hopkins University di Baltimora, Maryland (Usa): quella meteora inabissatasi nel Pacifico non proveniva da un altro mondo. 

La tesi aliena. Dieci 10 anni fa, un sismografo situato sull'isola di Manus, tra le più settentrionali dell'arcipelago oceanico, registrò, nel momento dell'arrivo della meteora, un rumore tanto profondo e rapido da essere ritenuto compatibile con quello prodotto da un oggetto interstellare. Si trattava del terzo oggetto conosciuto proveniente dall'esterno del sistema solare, nonché del primo in grado di colpire il nostro Pianeta. In effetti, nel 2022 il comando spaziale statunitense confermò l'esistenza di tale oggetto (chiamato CNEOS 2014-01-08 o Interstellar Meteor 1. Loeb), dopo aver prelevato dal mare alcune sferule contenenti elementi specifici di "un'origine tecnologica extraterrestre". 

La contro-tesi. Diversi studi, però, tra cui le recenti indagini della Hopkins University, di Baltimora, hanno nel frattempo smentito tutte queste affermazioni. I primi indizi che minavano la veridicità del lavoro svolto da Loeb & soci sono arrivati da uno studio di due astronomi pubblicato nell'agosto 2023 dall'American Astronomical Journal dove si sottolineava che la velocità dell'oggetto misterioso fosse stata sovrastimata e pertanto non poteva provenire da un altro mondo. Contemporaneamente, il Governo della Papua Nuova Guinea ha anche accusato di "furto" il team di Harvard per aver sottratto - senza permesso - dei campioni territoriali ed averli analizzati. 

Rombi di motore e sferule inquinate. A questo punto si inserisce il lavoro del team della John Hopkins University di Baltimora, che smonta la tesi dello schianto della meteora dopo aver analizzato le registrazioni del sismologo. Dallo studio approfondito della traccia sismica è infatti emerso che la stessa si ripeteva più o meno uguale svariate volte e in numerosi giorni, suggerendo che il rilevamento avesse tutte le caratteristiche del passaggio di un camion sulla vicina strada. Inoltre, è stato stimato che il luogo più probabile per l'ammaraggio del meteorite fosse a circa 160 km da dove erano avvenuti i prelievi attuati dalla spedizione oceanografica.

A confermarlo è giunta infine l'analisi di un altro ricercatore che aveva ha evidenziato come la composizione anomala delle "sferule" fosse in realtà coerente con l'inquinamento prodotto dall'uomo. Altro che da una "scienza" aliena.

27 marzo 2024 Simone Valtieri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us