Spazio

Alla ricerca di tecnologia aliena

La ricerca di segnali di civiltà aliene evolute prende una nuova strada: con i telescopi di nuova generazione potremmo rilevare manufatti giganteschi, come le sfere di Dyson o giganteschi ombrelli solari.

Il Seti, l’istituto internazionale per la ricerca scientifica di segnali di civiltà extraterrestri intelligenti, espande i suoi orizzonti. Per oltre 50 anni la ricerca si è basata sull’ascolto di possibili segnali radio che civiltà intelligenti sparse nella galassia avrebbero inviato nello Spazio, per affermare la loro presenza o semplicemente perché usano tecnologie radio. Da alcuni anni la ricerca include anche segnali ottici che potrebbero essere lanciati con impulsi laser (in Italia una simile ricerca è condotta da Foam13).

Ora si apre una nuova strada: la ricerca di artefatti extraterrestri. In particolare, gli astronomi potrebbero puntare la loro ricerca verso le sfere di Dyson (Dyson Spheres) utilizzando dati provenienti da satelliti che studiano il cielo all’infrarosso.

Le Dyson Spheres sono immense conchiglie artificiali grandi come un sistema solare che sarebbero in grado di captare l'intera energia emessa da una stella © http://www.sentientdevelopments.com/2012/03/how-to-build-dyson-sphere-in-five.html

Conchiglie aliene. Le sfere di Dyson sono ipotetiche “conchiglie” di dimensioni tali da contenere un intero sistema solare costruite da civiltà estremamente avanzate dal punto di vista tecnologico. Le sfere avrebbero il compito di catturare la maggior parte dell’energia irradiata dalla stella che si trova al centro del sistema stesso: sistemi estremamente complessi (e ben al di là delle nostre capacità tecnologiche, ammesso che siano realizzabili), ma se esistessero sarebbero anche relativamente facili da rilevare, una volta deciso che cosa cercare, perché produrrebbero alterazioni profonde dell’energia irradiata dalla stella.

Gigantesche vele solari in movimento tra un pianeta e l'altro potrebbero essere captate da Terra in quanto altererebbero le radiazioni di base emesse dalla stella © Wikipedia

Un sacco di manufatti. Questa ipotesi di lavoro è stata avanzata da Morris Jones sulla rivista astronomica Acta Astronautica. Nello stesso lavoro il ricercatore fa presente che si potrebbero anche cercare altri manufatti alieni: da gigantesche vele solari in movimento all’interno dei sistemi solari, a grandi specchi usati per dare luce alla parte notturna dei pianeti o per convogliare energia. O anche gigantesche vele per proteggere i pianeti da un eccesso di radiazione stellare. Ognuna di queste tecnologie dovrebbe lasciare un segno evidente nella radiazione che giunge da un sistema solare, e con i telescopi di prossima generazione si potrebbero rilevare con una certa facilità.

31 luglio 2015 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us