Spazio

Origini delle galassie, la Nasa seleziona il progetto della Scuola Normale di Pisa

Un progetto di ricerca della Scuola Normale di Pisa entra nel programma scientifico internazionale allestito per il primo ciclo di osservazioni del telescopio James Webb.

La Nasa ha selezionato un esperimento scientifico presentato dal Gruppo di Cosmologia della Scuola Normale Superiore di Pisa per l'osservazione delle prime galassie formatesi subito dopo il Big Bang. Il progetto di ricerca entra così nel programma scientifico internazionale allestito per il primo ciclo di vita del telescopio spaziale James Webb, il più grande mai realizzato, che intende svelare ulteriori segreti sull'origine dell'universo.
Dotato di capacità di imaging superiore e spettroscopia ad alta risoluzione, James Webb amplierà le scoperte avviate dal telescopio Hubble, di cui è considerato il successore, e sarà lanciato in orbita solare il 31 ottobre 2021 dalla località di Kaurou, nella Guyana Francese, sulla costa nord-orientale del Sudamerica. Inizierà a osservare l'universo dal maggio 2022, dopo che la navicella spaziale avrà viaggiato per più di un milione di chilometri e verificato il funzionamento di tutta la propria strumentazione.


Per quella che viene considerata una tappa fondamentale della nostra comprensione del cosmo e dell'inizio della vita, la collaborazione tra Nasa, Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Agenzia spaziale canadese (Csa) ha chiamato la comunità scientifica internazionale a presentare progetti scientifici finalizzati a far luce sull'origine dell'universo, mettendo a disposizione 6.000 ore di osservazione, il primo ciclo di "lavoro" del telescopio, riguardanti 8 settori di ricerca.


Oltre 1.000 sono state le proposte arrivate entro il 24 novembre scorso da scienziati provenienti da 44 paesi. L'esperimento presentato dal Gruppo di Cosmologia della Normale ("Galaxy assembly at z > 6: unraveling the origin of the spatial offset between the Uv and Fir emission"), il cui Principal Investigator è il ricercatore della Scuola Stefano Carniani, è risultato tra i 286 prescelti. La Scuola Normale di Pisa è l'unico centro di ricerca italiano che ha un progetto a sua guida tra i 77 selezionati nella sezione Galaxies.


Il progetto dei cosmologi della Scuola Normale di Pisa si concentra in particolare sullo studio della formazione ed evoluzione delle prime galassie, distanti circa 13 miliardi di anni luce dalla Terra, e avrà in dote 21,3 ore di osservazione. Riceverà personale specifico di supporto da parte della collaborazione internazionale, oltre che un budget di prossima assegnazione. Del Gruppo di ricerca di Cosmologia è responsabile Andrea Ferrara, e ne fanno parte, oltre a Carniani, Simona Gallerani, Andrea Pallottini, Livia Vallini, Evangelia Ntormousi, Mahsa Kohandel.


"I telescopi attualmente a nostra disposizione hanno permesso solo un primo superficiale studio delle caratteristiche delle prime galassie – spiega Carniani. James Webb Space Telescope rivoluzionerà il campo permettendo di ottenere informazioni cruciali sulle prime fasi di evoluzione delle galassie.

In particolare il nostro esperimento è dedicato alla ricerca della luce emessa dalla popolazione stellare e dal gas ionizzato all'interno di tre galassie risalenti a soli 500-900 milioni di anni dopo il Big Bang. Queste osservazioni consentiranno di capire in maniera precisa come queste galassie si siano formate e quando.


"L'assegnazione di questo ambitissimo tempo di osservazione al nostro progetto - commenta il professore Ferrara - è un riconoscimento al lavoro che il Gruppo di Cosmologia sta svolgendo nell'ambito di una Erc Advanced Grant finanziata dalla Eu e che privilegia la stretta combinazione tra approcci teorici e sperimentali allo studio dell'Universo primordiale. Ribadisce inoltre il ruolo leader della Scuola Normale nella ricerca scientifica a livello internazionale in un ambito particolarmente competitivo".

23 aprile 2021 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us