Spazio

67/P Chuyurmov-Gerasimenko: non è neve, ma l'effetto è bellissimo

Un'elaborazione mostra immagini straordinarie dalla cometa, che in molti hanno chiamato "nevicata". Ecco la spiegazione di che cosa si vede.

Nel 2014 la sonda Rosetta, dell’Agenzia spaziale europea, si avvicinò alla cometa Churyumov-Gerasimenko per studiarla da vicino: la missione, che ha entusiasmato appassionati, curiosi e ricercatori era iniziata ben 12 anni prima ed è finita nel 2016, dopo due anni di permanenza attorno a quell'oggetto: vedi lo Speciale di Focus.it Rosetta e la cometa.

In quell’arco di tempo si tentò anche la discesa sulla cometa con il lander Philae, che purtroppo non andò come previsto. Tuttavia, per dare un'idea della complessità e ricchezza di quella missione, i dati raccolti da Philae e da Rosetta non sono ancora stati tutti elaborati e periodicamente vengono rilasciati da vari enti di ricerca nuove immagini e nuovi studi.

Oltre agli scienziati di professione vi sono anche numerosi contributi che arrivano da appassionati astrofili che hanno le competenze e le conoscenze necessarie all’elaborazione delle immagini, come in questo caso:

67/P Chuyurmov-Gerasimenko, Rosetta, Philae, Esa, Sistema Solare, comete, sonda Rosetta
Due fotogrammi del video: sono riportati i nomi di alcune stelle. © Esa

Il video, elaborato e diffuso da landru79 su Twitter, mostra immagini ottenute da Rosetta da circa 13 km di distanza dalla superficie della cometa il 1° giugno 2016: sembra una nevicata, ma la realtà è diversa.

Sullo sfondo, i puntini che si muovono sono stelle (è ovviamente un moto apparente) mentre in primo piano vi è una raffica di granelli di ghiaccio e polvere che si sollevano dalla cometa mentre questa si avvicina al Sole. Ai due fenomeni si aggiungono anche delle striature biancastre che sono il risultato dell’impatto di raggi cosmici su un sensore della fotocamera di Rosetta.

67/P Chuyurmov-Gerasimenko, Rosetta, Philae, Esa, Sistema Solare, comete, sonda Rosetta
Un collage di immagini della cometa. © Esa

Questo breve filmato ha lasciato stupiti anche i ricercatori perché permette di “vedere” la caotica realtà in cui si muoveva la sonda.

Con l'allontanamento della cometa dal Sole e la conseguente perdita di energia e di controllo per la strumentazione, il 30 settembre 2016 l’ESA decise di porre fine alla missione facendo atterrare Rosetta sulla superficie della cometa, raccogliendo dati e immagini ancora sotto studio.

26 aprile 2018 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us