Spazio

I 10 oggetti più strani che hanno volato (o volano) nello spazio

La pecora Shaun, il pupazzo della serie Shaun the sheep, "astronauta" scelto per la missione lunare Artemis 1. Ma tanti altri oggetti curiosi sono finiti nello spazio: quali?

Numerosi oggetti strani sono finiti nello spazio da quando l'uomo ha iniziato l'esplorazione al di fuori del nostro Pianeta. Gli astronauti hanno portato con sé di tutto – palline da golf, foto di famiglia, giocattoli, calendari "piccanti"... Una volta toccò persino a un'automobile essere lanciata verso lo spazio profondo. Ora è il turno di Shaun, la pecora superstar della serie animata britannica Shaun the sheep: farà parte dell'equipaggio (rigorosamente... non umano!) della missione lunare Artemis 1. Curiosi di saperne di più? Ecco la lista degli oggetti secondo noi più originali che sono volati in orbita, almeno fino a oggi.

1. La pecora Shaun. «Un piccolo passo per un uomo, un grande passo per l'umanità», disse Neil Armstrong. Adesso, parafrasando la storica frase del primo uomo che mise piede sulla Luna, il grande passo è per le pecore. È quanto, ironicamente, ha fatto intendere il direttore dell'Esplorazione umana e robotica dell'ESA, David Parker, annunciando Shaun, il pupazzo della serie animata Shaun, the sheep come membro dell'equipaggio del modulo Orion della missione lunare Artemis I: «Questo è un momento emozionante per Shaun e per noi dell'ESA. Siamo molto felici che sia stato selezionato per la missione e capiamo che, anche se potrebbe essere un piccolo passo per un essere umano, è un passo da gigante per le pecore».

La missione della navicella spaziale Orion, che verrà lanciata a fine agosto 2022, sarà dunque controllata da Terra grazie Shaun che dal 2020 ha iniziato un programma di addestramento per astronauti. Il viaggio sarà davvero stellare: Orion eseguirà un sorvolo della Luna, utilizzando la gravità lunare per guadagnare velocità e spingersi a 70.000 km oltre dal nostro satellite, a quasi mezzo milione di km dalla Terra. Mai un uomo è andato così lontano. Ora il grande onore tocca a una pecora.

Tesla, Elon Musk
La Tesla Roadster di Elon Musk guidata da Starman. Che fine ha fatto l'auto spaziale? © SpaceX

2. La Tesla Roadster di Musk. Con il lancio del Falcon Heavy del 6 febbraio 2018, il miliardario americano Elon Musk, fondatore di SpaceX, lanciò la sua Tesla Roadster rosso fiammante: alla guida, un manichino chiamato Starman. Una volta fuori dall'atmosfera, il guscio dell'ultimo stadio del Falcon Heavy si aprì, esponendo l'auto all'ambiente spaziale. Il 9 febbraio 2018 l'auto fu fotografata, ma ormai non si sa in quali condizioni sia, né se tornerà mai sulla Terra.

Durante il suo viaggio spaziale, la Tesla Roadster potrebbe essere stata distrutta dall'impatto di micro meteoriti.

Inoltre, le radiazioni hanno forse causato la degradazione di alcune sue parti, come i sedili in pelle, gli pneumatici di gomma, e la carrozzeria in fibra di carbonio. Le componenti inorganiche come il telaio in alluminio, i metalli interni e alcune parti di vetro potrebbero invece resistere più a lungo: potenzialmente per milioni di anni, ma non si sa se in una forma riconoscibile. Una curiosità: dopo il lancio, Musk pubblicò la foto di uno dei componenti elettronici della Tesla Roadster su cui era scritto "fatto sulla Terra da umani". 

Coca Cola nello spazio
Marketing spaziale: bere la Coca Cola anche in orbita. © Focus

3. Orlogi Omega e coca cola. Si sa: la pubblicità è l'anima del commercio sulla Terra, figuriamoci nello spazio. Infatti, nel luglio 1969, quando l'Apollo 11 atterrò sulla Luna, Omega fece sapere che gli astronauti indossavano i suoi orologi. In seguito, nel 1985, la Coca Cola cambiò la formula della bevanda e brevettò una speciale lattina pur di essere bevuta nello spazio. E poi, in orbita arrivarono anche bicchieri e un distributore di Cola. Tutto, ovviamente, a prova di assenza di gravità.

4. La rivista Playboy. Nel 1969, Playboy era tra le riviste più vendute al mondo. E così, quando Charles Conrad e Alan Bean in viaggio sull'Apollo 12, hanno aperto un armadietto del modulo di controllo trovarono questa pagina del calendario di Playboy. Uno scherzo dell'equipaggio ai titolari della missione (a proposito, guarda la gallery donne nude sulla Luna).

Il calendario di Playboy
Il calendario di Playboy in missione con l'Apollo 12? Uno scherzo dell'equipaggio. © Focus

5. Palline da golf. «Nella mia mano sinistra ho una piccola palla bianca che è familiare a milioni di americani», dichiarò  all'Agenzia spaziale a Houston l'astronauta Alan Shepard, in missione nel 1971 con l'Apollo 14. Shepard era un grande appassionato di golf e durante la sua camminata sulla Luna portò con sé due palline da golf che, nonostante i guanti e la pesante tuta spaziale, riuscì con una mano sola a colpire: la prima, dopo un breve tragitto, si arrestò vicino a un cratere; la seconda, a causa della forza di gravità, ridotta di un sesto rispetto alla Terra, viaggiò - a detta di Shepard - per molte miglia. In realtà, oggi è stato calcolato che la prima palla cadde a una distanza di 22 metri, mentre la seconda a 36 metri.

6. Barbie astronauta. Anche i giocattoli sono andati nello spazio molte volte per essere testati dagli astronauti, a partire dal 1985 con la STS-51D del 1985, la missione spaziale del programma Space Shuttle.

Tra i tanti, anche una semplice trottola che ha sfidato la forza di gravità. A fine aprile 2022, insieme a Samanta Cristoforetti, è approdato nello spazio l'ultimo giocattolo: la Barbie a sua immagine e somiglianza. D'altra parte, la bambola più famosa al mondo ha sempre amato lo spazio: la prima Barbie astronauta è nata negli anni '60. 

Barbie astronauta
Due Barbie cosmonaute lanciate nello spazio dalla Mattel. © Mattel

7. una pistola TP-82. I cosmonauti sovietici non vanno mai nello spazio senza un'arma. La tradizione è nata nel 1965, quando il Voschod 2, a causa di un guasto ai freni, atterrò a circa 1.500 km dal punto previsto di atterraggio: la foresta siberiana. In quel periodo dell'anno, lupi e orsi sono più aggressivi e avere un'arma sarebbe stato molto utile se gli astronauti fossero stati aggrediti prima dell'arrivo dei soccorsi. Da quella missione, i cosmonauti russi sono sempre andato nello spazio con una pistola TP-82 che negli anni fu sostituita da armi automatiche.

8. La Costituzione Italiana. Paolo Nespoli, nella sua prima missione spaziale del 2007 a bordo dello Space Shuttle Discovery, portò da Cape Canaveral la Costituzione della Repubblica Italiana. Lo rivelò l'allora Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano durante un collegamento: «È il nostro e il vostro breviario comune», disse.

Costituzione della Repubblica Italiana.
Paolo Nespoli ha portato nello spazio la Costituzione della Repubblica Italiana. © Shutterstock

9. Foto di famiglia. Charles Duke, l'astronauta dell'Apollo 16, portò con sé una foto della sua famiglia per lasciarla sulla Luna. Sul retro della fotografia si legge: «Questa è la famiglia dell'astronauta Charlie Duke del pianeta Terra che è atterrato sulla Luna il 20 aprile 1972». Ormai, a causa dell'esposizione alle radiazioni del sole, la foto è completamente bianca, ma il gesto da buon padre di famiglia è rimasto famoso. 

10. monete. Nel luglio del 1961, l'astronauta Gus Grissom (che il 27 gennaio 1967 rimase ucciso nell'incendio dell'Apollo 1) al ritorno da 15 minuti di volo suborbitale, aveva in tasca monete varie e 30 biglietti da un dollaro. Non aveva calcolato, però, che avere le tasche pesanti della tuta spaziale, in attesa di un elicottero di salvataggio nel bel mezzo dell'oceano Atlantico, poteva essere rischioso.

foto di famiglia di Charles Duke
La foto fatta dall'astronauta della NASA Charles Duke quando ha lascaito sulla Luna la fotografia di famiglia con una dedica. © NASA
5 agosto 2022 Fabrizia Sacchetti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us