Sorpresa (ma nemmeno poi tanto) in Egitto: c'è un banco di nebbia sul delta del Nilo

In un'immagine satellitare il delta del Nilo appare coperto dalla nebbia: il fenomeno è meno raro di quanto si creda e l'Egitto potrebbe sfruttarlo.

In questa immagine satellitare dell'Egitto settentrionale possiamo ammirare il delta del Nilo con un aspetto forse diverso da quello a cui molti di noi sono abitutati, cioè quello in cui ricorda un rigoglioso fiore verde che sboccia tra i toni marroni del deserto circostante.

Invece quando lo scorso 7 gennaio 2024 il satellite Terra della NASA (un satellite eliosincrono lanciato nel 1999 per raccogliere dati sui sistemi biochimici ed energetici del nostro Pianeta) ha sorvolato quest'area, il delta del Nilo era coperto da un vaporoso strato di nuvole basse.

Qui i terreni fertili del delta favoriscono diverse colture, come riso, cotone e mais. Eppure le terre coltivabili sono sempre più scarse in questa regione arida, perché la popolazione dell'Egitto cresce e gli agricoltori devono competere con l'espansione delle città.

Non è una rarità. La nebbia si forma più frequentemente sopra il delta in autunno e in inverno. Secondo i dati raccolti in oltre 20 anni dall'Università di Al Azhar del Cairo, l'aeroporto internazionale di Borg El Arab, vicino ad Alessandria, ha registrato la presenza di nebbia circa il 10 percento dei giorni nei mesi di novembre, dicembre e gennaio. Di solito questa nebbia invernale si forma sopra il delta al mattino e può durare diverse ore. Questo accade quando i venti sono deboli, l'umidità relativa è alta e le temperature sono comprese tra i 10 e i 15 gradi centigradi.

Alcuni ricercatori hanno sperimentato tecnologie per "catturare" questa umidità. La "raccolta" della nebbia prevede l'uso di una rete a maglie stabilizzata tra due pali che cattura gocce di acqua dolce mentre il vento spinge la nebbia attraverso di essa.

11 gennaio 2024 Roberto Graziosi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us