Le cure materne 3 milioni di anni fa
Le madri di Australopithecus africanus allattavano i piccoli molto a lungo, anche oltre un anno: un comportamento che potrebbe aver contribuito all'estinzione della specie.
Il dito sproporzionato di un uccello preistorico
Il fossile apparteneva a un pennuto più piccolo di un corvo, estinto insieme ai dinosauri. Il suo terzo dito serviva forse ad estrarre piccoli insetti dall'interno della corteccia.
I continenti perduti della Terra delle origini
Nel tumultuoso passato del nostro pianeta potrebbe esserci stata una generazione di continenti sorta troppo presto e distrutta dall'attività tettonica.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

La tavola periodica è infinita?
Dopo avere completato la settima riga della tavola periodica degli elementi con quello di numero atomico 118, gli scienziati stanno cercando il 119 e il 120. Quanto in là si può andare?
Jurassic World: possiamo far rivivere i dinosauri?
L'idea di far rivivere i bestioni preistorici a partire da frammenti di DNA non è - purtroppo - supportata dalla scienza: ecco i punti in cui i vari film della saga peccano di ottimismo.
Le più antiche impronte fossili sulla Terra
Potrebbero risalire a 550 milioni di anni fa: le lasciò un antenato dei moderni insetti o dei vermi, che potrebbe aiutarci a capire chi furono le prime creature a sviluppare le zampe.
Qual è lo sport più pericoloso del mondo?
In testa alla classifica ci sono due discipline, per fortuna non esattamente alla portata di tutti. Ecco com'è stata stilata la graduatoria (e da chi).
Il senso del tatto dei robot
Nervi sintetici di derivazione biologica in grado di comunicare con il sistema nervoso umano permetteranno di sviluppare protesi e arti robotizzati dotati di senso del tatto.
Violenta eruzione in Guatemala
È la seconda eruzione dell'anno per il Volcan de Fuego, questa volta con un'intensità che ha pochi confronti in tempi storici.
Quando il cervello ordina di aggredire
I ricercatori hanno individuato i neuroni che fanno scattare i comportamenti aggressivi nei topi. Arrivare allo stesso risultato nell'uomo potrebbe forse consentirci di controllare l'aggressività?
Stessa scena, occhi diversi
Gli esseri umani percepiscono il mondo in modo più nitido rispetto a gran parte degli altri animali: uno studio mette a confronto l'acuità visiva di mammiferi, uccelli e insetti.