23 settembre, ore 3:54: equinozio d'autunno
Con l'equinozio, il 23 settembre alle 3:54 inizia l'autunno 2018: che cos'è l'autunno per astronomi e meteorologi?
Equinozio d'autunno: è il momento!
Per gli astronomi l'autunno 2018 inizia il 23 settembre, con l'equinozio, per i meteorologi è iniziato il 1° settembre: perché? Vale solo per l'autunno o anche per le altre stagioni?
Risolto un tassello della tettonica delle placche
La tettonica delle placche e le dorsali oceaniche: una ricerca nel Mar Cinese Meridionale.
Il dinosauro-truffa
Era in realtà un collage di varie specie che indotto alcuni a pensare di aver trovato un anello mancante dell'evoluzione.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Dall'Iss si studiano gli spettri
Il 2 aprile l'Esa porta sulla Iss un nuovo strumento per lo studio dei fulmini, in particolare gli spettri rossi e blu.
Una passeggiata sulla spiaggia di 13.000 anni fa
Sono 29 orme lasciate forse da una famiglia preistorica sul finire dell'ultimo periodo glaciale: sono la conferma del fatto che la costa del Pacifico fu tra le vie di accesso preferite al continente.
I grandi incontri di Focus 2018
Riparte il nostro tour in giro per l’Italia. Per parlare di spazio e di clima.
Gli sciami di api: un "cervello" in movimento
Il modo in cui costruiscono una risposta a uno stimolo esterno somiglia, per certi versi, a quello del nostro organo pensante. E le interazioni tra i singoli esemplari ricordano quelle tra neuroni.
L’Etna sta lentamente scivolando in mare
Si muove ad una velocità di 14 millimetri all’anno. Al momento non crea pericoli, ma si tratta di una situazione da monitorare e non sottovalutare.
Con le foto aiutiamo la Nasa a studiare il clima
Una app gratuita della Nasa ci fa diventare tutti un po' scienziati e ci permette di contribuire allo studio del clima che cambia. Come? Fotografando il cielo e le nuvole!
Triste o felice, lo dice il colore del tuo viso
Si possono leggere le emozioni altrui da cambiamenti quasi impercettibili delle sfumature della pelle.
Le corna del triceratopo: a che cosa servivano?
Non, come si pensava, a distinguere le diverse specie in uno stesso territorio. Più probabilmente, indicavano prestanza fisica, e attiravano l'attenzione del sesso opposto.