Zealandia, l'ottavo continente

Nel Pacifico, a est dell'Australia, ci sarebbe un continente perduto di cui Nuova Zelanda e Nuova Caledonia rappresentano oggi le uniche terre emerse. Un frammento dell'antica Gondwana.

iss042e178671_web
La Nuova Zelanda potrebbe essere parte di un ottavo continente sommerso.|NASA/JSC

Quanti sono i continenti? Se avete risposto "7", è ora di aggiornare l'elenco: nelle profondità del Pacifico sudoccidentale se ne nasconderebbe un ottavo, chiamato Zealandia. Si tratterebbe di un singolo, intatto e uniforme pezzo di crosta continentale di 5 milioni di km quadrati (la metà circa dell'Europa) che affiora solo per il 6%: le sue uniche terre emerse sono la Nuova Zelanda e la Nuova Caledonia.

È quanto si apprende da un articolo del numero di marzo/aprile di GSA Today, che espone in modo scientifico ciò che Nick Mortimer, geologo del GNS Science di Dunedin (Nuova Zelanda), afferma da un decennio: in gioco non c'è un preteso riconoscimento dell'ottavo continente - non esiste autorità che possa esprimersi in merito - quanto la definizione stessa di "continente" (piuttosto elastica, di questi tempi).

 

Nella mappa di Nature, tratteggiato, il profilo del continente sommerso Zealandia, di cui la Nuova Zelanda e la Nuova Caledonia (a nord, nella cartina) rappresentano una piccola parte emersa. | Nature

Amaro destino. Zealandia si sarebbe staccato dal supercontinente Gondwana a partire da 100 milioni di anni fa. La rottura lo avrebbe reso indipendente, ma allo stesso tempo tirò e assottigliò la crosta terrestre. Come risultato, l'ottavo continente finì sott'acqua per il 94% della sua superficie.

 

Le prove. Le mappe satellitari elaborate sul campo gravitazionale terrestre indicano la presenza di Zealandia a partire dal nord-est dell'Australia, fino a sud delle isole neozelandesi. Anche i rilievi sottomarini mostrano, in corrispondenza del presunto continente, una crosta continentale leggera, uniforme e strutturalmente omogenea, distinta da quella della vicina Australia. Se confermata, l'ipotesi potrebbe in parte spiegare l'origine della fauna e della flora endemiche della Nuova Zelanda.

 

18 Febbraio 2017 | Elisabetta Intini