Scienze

Web spie per beccare i criminali in flagrante

Sei in cerca di un telelavoro da 007?

Più che un telelavoro è un videolavoro: tieni sotto controllo le telecamere a circuito chiuso dei negozi comodamente da casa e dai l’allarme se vedi qualcosa di sospetto. Ti pagano anche profumatamente.

“Tenendo d’occhio video di negozi e aziende si possono guadagnare fino a 1.000 sterline standosene comodamente a casa”

Fare la spia paga – A cosa servono delle telecamere di sorveglianza se nessuno le tiene d’occhio? Qualcuno si è fatto la stessa domanda e vuoi sapere cosa si è inventato? Un sistema che paga dei comuni internauti per tenere sotto controllo i video di negozi e aziende per beccare con le mani nel sacco gli autori di furti, borseggi, atti di vandalismo e comportamenti anti-sociali. E la paga offerta dall’azienda inglese Internet Eyes per fare la spia non è affatto male: 1.000 sterline per chi segnala regolarmente attività sospette.

Professione guardone - Il sistema di sorveglianza escogitato da Internet Eyes sta per essere lanciato a Devon, in Inghilterra, e sono già a quota 13mila i “guardoni” interessati a partecipare al monitoraggio. Sarà Internet Eyes a scegliere quali video far vedere agli spioni e i negozi e le aziende da sorvegliare saranno rigorosamente fuori dalla zona di residenza . Ogni sessione di monitoraggio dura 20 minuti e, se in quel lasso di tempo succede qualcosa di sospetto, basta premere il pulsante “alert” per avvertire il personale sul posto che deciderà poi come procedere, ossia se chiamare le autorità. Il servizio non è ancora partito è già si sollevano proteste per violazione della privacy e dubbi sulla validità perché per molti si tratta di un lavoro per personale specializzato.

In più su Jacktech.it:

4 ottobre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us