Scienze

Vuoi conquistare il mondo? Parla inglese, parola di scienziato

Imparare l'inglese per conquistare il mondo: ecco le conclusioni di un originale e interessante studio americano.

Volete farvi ascoltare dal mondo? Imparate l' inglese, lo conferma finalmente la scienza. E se già lo padroneggiate buttatevi sullo spagnolo o sul cinese. La "scoperta", di per sé, non è rivoluzionaria, ma il metodo utilizzato per dimostrarne la fondatezza è particolarmente interessante e si presta ad essere applicato ad altri ambiti.

La mappa delle lingue. Lo studio è stato condotto da Sharar Ronen, ingegnere israeliano e programmatore alla Microsoft, che nel corso della sua tesi di dottorato al MIT ha realizzato la prima mappa che mostra l’importanza relativa delle lingue nel contesto della comunicazione mondiale.

Ronen, insieme a un gruppo di colleghi di Harvard, della Northeastern University e della Aix-Marseille University ha analizzato la diversità linguistica di libri, tweet e pagine di Wikipedia. Il lavoro è stato decisamente corposo: i ricercatori hanno considerato le traduzioni di oltre 2,2 milioni di libri, 550 milioni di tweet scritti da 17 milioni di utenti bilingue e le pagine di Wikipedia tradotte in almeno 5 lingue diverse.

I dati sono stati rappresentati visivamente in una rete in cui i nodi sono le varie lingue e le linee che li uniscono le diverse relazioni: per esempio un libro scritto in inglese e poi tradotto in italiano e francese sarà rappresentato da tre pallini, uno per lingua, e due linee che uniscono inglese-italiano e inglese-francese. Lo spessore di ogni linea rappresenta il numero di connessioni tra nodi.

The cat is on the table. Lo studio conferma l'inglese come hub linguistico più importante del mondo, grazie al quale è possibile entrare in contatto con tutte (o quasi) le altre realtà culturali. Lo stesso ruolo è assolto, in scala minore, anche dal francese, dal tedesco e dal russo.

Dallo studio emerge come altre lingue parlate da tantissime persone in tutto il mondo, per esempio il cinese, l’hindi o l’arabo, fanno parte invece di "sottoreti" relativamente isolate dalle altre. La ricerca evidenzia anche come alcuni popoli, per esempio gli olandesi, siano molto più bilingue rispetto agli altri ma anche come siano più “online” rispetto alla media della popolazione mondiale: il loro nodo, pur rappresentando solo 27 milioni di persone, ha infatti una enorme quantità di relazioni con altre lingue.

Studio aristocratico. La ricerca non ha comunque validità universale: gli stessi autori sottolineano come le persone involontariamente coinvolte nell'analisi rappresentino una elite della popolazione mondiale, visto che hanno accesso alla rete internet e si esprimono in almeno due lingue diverse.

Ciò che è particolarmente interessante è come il network linguistico permetta la diffusione delle idee in paesi e culture completamente diverse da quella di provenienza.

Su Twitter, per esempio, un’idea espressa in filippino può spostarsi verso la Corea attraverso la Malesia grazie agli utenti che parlano filippino/coreano e coreano/malese.

Ma, infine, quali sono le lingue che ha più senso studiare? Ovviamente l’inglese, concludono i ricercatori. E poi lo spagnolo e il cinese mandarino.

Lo studio completo è disponibile su Proceedings of the National Academy of Sciences.

22 dicembre 2014 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us