Scienze

Vita antichissima conservata nel sale

Microrganismi potenzialmente ancora vivi sono stati trovati in cristalli di sale di 830 milioni di anni fa: la stessa salgemma che si trova su Marte.

In un antico cristallo di salgemma, un tipo di sale che si trova in depositi naturali creati dal ritiro dei mari, sono stati rinvenuti microrganismi e alghe risalenti a 830 milioni di anni fa, ancora galleggianti in una goccia del loro habitat originale. La scoperta pubblicata sulla rivista Geology ha implicazioni importanti per la ricerca di forme di vita primitive, sulla Terra e non solo: questi minerali di sale sono infatti presenti in abbondanza anche su Marte.

Acqua in trappola. La salgemma o halite è un minerale composto da cloruro di sodio (NaCl), il costituente principale del sale da cucina. Di solito si trova in banchi estesi, formati nel processo di evaporazione di acqua salata di mari o laghi. A differenza di rocce sedimentarie come lo shale, che conservano le tracce di microfossili anche di miliardi di anni fa, la salgemma custodisce la vita in un modo più peculiare.

Quando si formano i cristalli, piccole inclusioni dell'acqua salata da cui il minerale ha origine vi rimangono intrappolate all'interno: per gli scienziati è una vera fortuna, perché l'analisi di questi fluidi rivela la temperatura e le caratteristiche chimiche di quegli antichi mari e persino, indirettamente, quella dell'atmosfera del tempo.

I precedenti. Non è la prima volta che forme di vita (anche molto antiche) capaci di sopportare l'elevata salinità sono rinvenute nelle inclusioni di fluido della salgemma. Finora però i metodi distruttivi utilizzati per le analisi non avevano mai consentito di stabilire con certezza se l'età di questi viventi fosse la stessa delle rocce in cui si trovavano. Un team di geologi dell'Università della West Virginia si è chiesto pertanto quale sia, tra le rocce di questo tipo, quella più antica che contenga ancora microrganismi visibili.

Cristallo abitato. La risposta è arrivata da un deposito di halite della Browne Formation, in Australia centrale, un'area oggi desertica un tempo bagnata dal mare. Usando metodi ottici e non invasivi che hanno lasciato il minerale e il suo contenuto intatti, gli scienziati hanno studiato un'inclusione di fluido in un cristallo di salgemma di 830 milioni di anni fa. All'interno hanno trovato solidi organici e liquidi compatibili con cellule di organismi procarioti (privi di un nucleo strutturato) ed alghe. Alcuni di questi composti sembrano inalterati, il che suggerisce che i microrganismi possano essere ancora vivi.

I microrganismi osservati nel cristallo di sale della Browne Formation in Australia.
I microrganismi osservati nel cristallo di sale della Browne Formation in Australia. © Schreder-Gomes et al., Geology, 2022

Microacquario. Come sono arrivati fino a noi? Le inclusioni di fluido potrebbero aver funzionato da microhabitat in cui sopravvivere apportando alcuni cambiamenti al metabolismo - per esempio sfruttando cellule morte come fonte di nutrimento o entrando in una modalità di consumo minimale.

In passato, microrganismi di 250 milioni di anni erano stati ritrovati ancora vivi in cristalli di salgemma, e lo stesso potrebbe essere accaduto con forme di vita ancora più antiche.

Vita extraterrestre. La scoperta è di grande importanza per l'esobiologia. Su Marte sono presenti depositi di salgemma con una composizione simile a quelli della Browne Formation, e la possibilità di esaminarne il contenuto senza distruggerli - lasciandone intatte le inclusioni - potrebbe aprire nuove possibilità di ricerca sul passato del Pianeta Rosso.

18 maggio 2022 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us