Scienze

La scienza del violentissimo terremoto al largo del Messico

La causa è da imputare al movimento di quattro placche contigue.

Lo spaventoso terremoto di magnitudo 8.1 (che alcune fonti danno addirittura a 8.3) del 7 settembre, al largo del Messico - a un centinaio di chilometri dalla costa e tra i 33 e i 35 chilometri di profondità - è da inquadrare in una complessa area geologica caratterizzata dalla giunzione di ben 4 placche tettoniche: nord americana, sud americana, Cocos e Nazca.

Le placche sono porzioni della litosfera terrestre (ossia la parte più superficiale della Terra, che comprende la crosta e una parte del mantello solido): la Cocos e la Nazca si muovono verso est a una velocità stimata di 75-78 millimetri all’anno e vanno in subduzione rispetto alle altre due, la nord americana e la sud americana, si infilano cioè al di sotto di queste.

terremoti, tettonica delle placche: la complessità geologica del Golfo del Messico
La complessità geologica dell'area dove si scontrano 4 placche

Notevole complessità. Nel contempo, la placca americana si muove verso est rispetto a quella caraibica a una velocità di circa 20 millimetri l’anno. Questo dà origine a faglie (fratture che si muovono) molto attive, che causano altri terremoti violenti: numerosi e violenti terremoti e una notevole quantità di vulcani sono la testimonianza di quanto sia dinamica e complessa la situazione geologica di quell'area.

Prima del terremoto del 7 settembre, nell’area il sisma più violento si è verificato nel 1962, con magnitudo 7.2.

Data l'intensità del sisma e la superficialità dell'ipocentro è scattato l'allarme tsunami

Tsunami. Il centro di allerta tsunami delle Hawaii ha subito fatto scattare l'allarme che, per adesso, vale per le coste del sud America.

8 settembre 2017 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us