Scienze

La scienza del violentissimo terremoto al largo del Messico

La causa è da imputare al movimento di quattro placche contigue.

Lo spaventoso terremoto di magnitudo 8.1 (che alcune fonti danno addirittura a 8.3) del 7 settembre, al largo del Messico - a un centinaio di chilometri dalla costa e tra i 33 e i 35 chilometri di profondità - è da inquadrare in una complessa area geologica caratterizzata dalla giunzione di ben 4 placche tettoniche: nord americana, sud americana, Cocos e Nazca.

Le placche sono porzioni della litosfera terrestre (ossia la parte più superficiale della Terra, che comprende la crosta e una parte del mantello solido): la Cocos e la Nazca si muovono verso est a una velocità stimata di 75-78 millimetri all’anno e vanno in subduzione rispetto alle altre due, la nord americana e la sud americana, si infilano cioè al di sotto di queste.

terremoti, tettonica delle placche: la complessità geologica del Golfo del Messico
La complessità geologica dell'area dove si scontrano 4 placche

Notevole complessità. Nel contempo, la placca americana si muove verso est rispetto a quella caraibica a una velocità di circa 20 millimetri l’anno. Questo dà origine a faglie (fratture che si muovono) molto attive, che causano altri terremoti violenti: numerosi e violenti terremoti e una notevole quantità di vulcani sono la testimonianza di quanto sia dinamica e complessa la situazione geologica di quell'area.

Prima del terremoto del 7 settembre, nell’area il sisma più violento si è verificato nel 1962, con magnitudo 7.2.

Data l'intensità del sisma e la superficialità dell'ipocentro è scattato l'allarme tsunami

Tsunami. Il centro di allerta tsunami delle Hawaii ha subito fatto scattare l'allarme che, per adesso, vale per le coste del sud America.

8 settembre 2017 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us