Scienze

Uragani sempre più intensi e numerosi? Sembrerebbe di no

In questo periodo arrivano notizie sempre più frequenti su violenti uragani che si abbattono in varie aree del Pianeta. Questi eventi sono più numerosi che in passato? E anche più intensi?

Mentre gli Stati Uniti da un lato e l’Estremo oriente dall’altro sono ancora piegati dalla forza degli ultimi uragani che hanno colpito in varie aree, potremmo chiederci se il numero e la forza degli eventi stia davvero crescendo nel tempo, come le notizie diffuse dagli organi di informazioni farebbero pensare. Per non lasciarsi ingannare dall'emotività, occorre analizzare i dati, ovviamente. Come quelli contenuti nel grafico qui sotto, che riguardano la Florida, uno dei Paesi più colpiti dagli uragani, e che sono forniti dal National Hurricane Center. I dati si riferiscono a un intervallo di tempo compreso tra 118 anni fa e oggi, in particolare l'ultimo uragano "registrato" è Michael. Ogni pallino rosso rappresenta un uragano: la sua coordinata orizzontale fornisce il dato relativo all'anno, la coordinata verticale indica la velocità che l'uragano aveva al momento dell'impatto con la terraferma.

Il numero dei forti uragani da 180 anni a questa parte © Hurricane National center

In futuro le cose cambieranno. In generale dal grafico non appare che vi sia un aumento nel numero di uragani di forte intensità e non sembra neppure che sia cresciuta l’intensità di quelli che hanno colpito gli Stati Uniti negli ultimi anni. Tuttavia alcuni ricercatori sostengono che siamo vicini a un punto di svolta. Uno di questi è Kerry Emanuel, esperto di uragani del MIT. In un'intervista rilasciata al New York Times ha dichiarato che è opinione comune, tra chi studia gli uragani, che il riscaldamento globale in atto porterà a una intensificazione della forza degli uragani, anche se non comporterà necessariamente un aumento del loro numero.

Un aumento della temperatura porterà a piogge più intense durante un uragano © Getty Image

Questo, sempre secondo il ricercatore, causerà un aumento dei danni. Per almeno due motivi: il primo è che l'aumento della temperatura provoca il sollevamento del livello del mare, amplificando l'altezza delle onde che impattano sulla terraferma durante un uragano; il secondo è che, aumentando la temperatura, aumenterà anche la circolazione di umidità (di circa il 10%) e questo provocherà piogge più intense e prolungate durante questi eventi.

La conclusione che si può trarre al momento, dunque, è che per ora il clima sembrerebbe non avere ancora avuto conseguenze sul numero e sull'intensità degli uragani. Ma ci sono elementi per pensare che accadrà abbastanza presto...

17 ottobre 2018 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us