Scienze

Un'esplosione di microfiori

Un team di scienziati australiani ha realizzato dei fiori artificiali in scala nano in grado di sbocciare e cambiare forma in sole 3 ore. Potrebbero aprire la strada a nuove applicazioni nel campo della nanomedicina e della nanoingegneria.

Un team di ricercatori della RMIT University di Melbourne, Australia, ha realizzato dei microfiori artificiali in scala nano capaci di assemblarsi da soli nell’acqua e sbocciare in solo 3 ore. E come si vede dall’immagine qui sopra, con risultati davvero scenografici.


Belli. Ma a che cosa servono dei microfiori finti? Ne avevamo davvero bisogno? Sì e non per scopi decorativi: la tecnologia utilizzata dagli scienziati australiani per ottenere questo risultato potrebbe aprire la strada a nuovi studi sull’elettronica organica e sull’opto elettronica (una branca dell'elettronica che studia come i dispositivi interagiscono con la luce).

Nanoprimavera. Le strutture realizzate a Melbourne sono larghe appena 10 micron: un capello umano potrebbe ospitarne almeno una decina su una sua sezione trasversale.

I microfiori sono stati ottenuti mescolando in acqua acido fosforoso e melamina. Durante l’evaporazione le due sostanze formano dei legami che danno vita ai petali e che si dispiegano come veri vegetali.

«Questo tipo di chimica, chiamata flower shaped morphology, è ancora agli inizi» spiega Sheshanath Boshanale, responsabile dello studio, «ma potrebbe presto aiutare chimici e biologi a costruire microfiori da utilizzare in applicazioni di frontiera, per esempio nel campio dei nanosensori, delle nanotecnologie e della biomedicina»

8 ottobre 2015 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us