Scienze

Un’app per iPhone che riconosce i sospetti

Moris è un'app che cerca i volti sui database degli schedati.

Una nuova applicazione per iPhone sviluppata da BI2 Technologies sta accendendo i dibattiti sui diritti civili in America: riconosce i volti confrontandoli con quelli schedati nei database delle forze dell’ordine.

“Il programma in uso a militari e polizia: cerca i volti sui database degli schedati”

Riconoscimento del volto - L’applicazione si chiama MORIS, acronimo di “Mobile Offender Recognition and Information System” e viene già usata, in via esclusiva e sperimentale dai militari e in alcune zone limitate anche dalle forze dell’ordine. Ma presto potrebbe diventare uno strumento di lavoro quotidiano per i poliziotti americani: il programma permette agli ufficiali di polizia di scattare una fotografia al viso di una persona, l’immagine viene poi confrontata in automatico con i database della polizia, alla ricerca della storia criminale del soggetto inquadrato. E, in caso di conferma del sospetto, gli agenti possono anche effettuare, sempre con l’iPhone, una scansione dell’iride.

Un mare di dispositivi - Secondo il Wall Street Journal, almeno 1000 dispositivi iPhone di circa 40 organizzazioni di polizia americane potrebbero ricevere in uso il suddetto programma per il riconoscimento dei volti, entro il prossimo settembre. Il costo è di 3.000 dollari e potrebbe pure avere una versione per i terminali dotati di sistema operativo Android. I promotori dei diritti umani in USA hanno subito messo l’accento sul rischio di un monitoraggio continuo e di un eccessivo controllo sui cittadini da parte delle autorità di forza pubblica e del governo. (pp)

Niccolò Fantini

13 luglio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us