Una famiglia da Nobel

I coniugi Moser, premiati con il Nobel per la Medicina e la Fisiologia 2014, sono solo gli ultimi di una (ristretta) serie di coppie e parenti che dividono l'onore del prestigioso riconoscimento. Vediamo quali sono i nuclei famigliari che esibiscono la medaglia del Nobel nel salotto di casa.

Edvard I. Moser e May-Britt Moser, marito e moglie. I due covincitori del Nobel per la Medicina e la Fisiologia 2014 si sono conosciuti durante un post doc nel laboratorio di John O’Keefe, terzo (anzi, primo) vincitore del Premio, dato per gli studi sul nostro Gps interno. Sono la quinta coppia di coniugi a ricevere un Nobel: dietro di loro c'è una tradizione piuttosto consolidata di partner nella scienza e nella vita.

Pierre e Marie Curie, marito e moglie. La coppia più celebre della Fisica vinse il Nobel nella propria disciplina nel 1903, insieme a Antoine Henri Becquerel, per le ricerche congiunte sui fenomeni di radiazione. Marie Skłodowska (questo il cognome della Curie da nubile) non si fermò qui: nel 1911 vinse - unica donna nella Storia - un secondo Nobel, per la Chimica, per la scoperta del radio e del polonio. Dopo la morte del marito, fu la prima donna ammessa a insegnare alla Sorbona di Parigi.

I coniugi Curie in posa con le rispettive biciclette, nel 1896.

Frédéric Joliot e Irène Joliot-Curie, marito e moglie. Buon sangue non mente, e Irène Joliot-Curie, figlia di Pierre e Marie, vinse nel 1935 il Nobel per la Chimica, insieme al marito Frédéric Joliot, per la scoperta della radioattività artificiale. Irène morì di leucemia nel 1956, per la prolungata esposizione a radiazioni durante tutta la sua vita.

Carl e Gerty Cori, marito e moglie. Nel 1947, Gerty Theresa Cori, biochimica ceca naturalizzata statunitense, fu la prima donna a vincere il Nobel per la Medicina, insieme al marito Carl Ferdinand Cori e al fisiologo Bernardo Houssay. A differenza del coniuge, con il quale collaborò per tutta la vita, Gerty faticò sempre a trovare posizioni di ricerca, e quelle che ottenne furono spesso caratterizzate da un misero stipendio.

Gunnar e Alva Myrdal, marito e moglie. Entrambi i coniugi e politici svedesi vissero un Nobel, ma in materie e circostanze diverse. Gunnar vinse il Premio Nobel per l'Economia nel 1974, insieme a Friedrich von Hayek, per i lavori pionieristici sulla teoria della moneta e delle fluttuazioni economiche, ma fu tentato di rifiutarlo, perché non riteneva che l'Economia fosse propriamente una scienza. Ad Alva toccò invece, il Nobel per la Pace, nel 1982, per il suo impegno a favore del disarmo.

William Henry Bragg e William Lawrence Bragg, padre e figlio. Vinsero il Premio Nobel per la Fisica nel 1915, per i loro studi sull'analisi della struttura cristallina per mezzo dei raggi X. L'allora 25enne William Lawrence, divenne così il più giovane premiato della Storia, primato rimasto imbattuto. Si racconta che da piccolo William Lawrence, si ruppe un gomito cadendo dal triciclo, e che il padre decise di usarlo come "cavia" studiando le sue ossa ai raggi X, primo caso di utilizzo chirurgico dei raggi X in Australia.

Joseph John e George Paget Thomson, padre e figlio. Entrambi vincitori del Nobel per la Fisica, rispettivamente nel 1906 (il padre, sulla sinistra) e nel 1937. J.J. Thomson vinse per gli studi sulla conduzione dell'elettricità nei gas; il figlio George, insieme al collega Clinton Joseph Davisson, per la scoperta sperimentale della diffrazione degli elettroni ad opera dei cristalli.

Niels e Aage Bohr, padre e figlio. Entrambi vincitori del Nobel per la Fisica, ma in due anni diversi: Niels nel 1922, per il suo contributo allo studio della struttura atomica e della meccanica quantistica; Aage nel 1975 insieme a Ben Roy Mottelson e Leo James Rainwater, per le scoperte sulla struttura del nucleo atomico. Qui li vediamo impegnati nella discussione di un esperimento all'Istituto di Fisica Teorica dell'Università di Copenhagen, nel 1956. Niels è alla lavagna, alle sue spalle c'è il fisico Hans Bøggild, di fianco Ebbe Rasmussen, a destra Niels Bohr.

Hans von Euler-Chelpin e Ulf von Euler, padre e figlio. Il padre Hans, biochimico svedese di origini tedesche, vinse il Nobel per la Chimica nel 1929 insieme ad Arthur Harden, per gli studi sulla fermentazione dello zucchero e sugli enzimi fermentativi. Il figlio Ulf Svante von Euler (a destra nella foto) si aggiudicò il Nobel per la Medicina nel 1970, per i suoi studi sulla noradrenalina.

Manne Siegbahn e Kai M. Siegbahn, padre e figlio. Un Nobel per la Fisica, il loro, tramandatosi di generazione in generazione. Il padre Manne lo vinse nel 1924, per le sue scoperte nel campo della spettroscopia ai raggi X. Il figlio Kai, nel 1981, insieme a Nicolaas Bloembergen e Arthur Leonard Schawlow, per il suo contributo allo sviluppo della spettroscopia degli elettroni ad alta risoluzione.

Arthur Kornberg e Roger D. Kornberg, padre e figlio. Il padre Arthur (a sinistra nella foto e a destra accanto al figlio) vinse il Nobel per la Medicina nel 1959, insieme a Severo Ochoa, per la scoperta dei meccanismi della sintesi biologica dell'acido deossiribonucleico. Morto nel 2007, ha prima avuto la soddisfazione di vedere suo figlio, Roger David Kornberg, insiegnito del Nobel per la Chimica, nel 2006, e di participare alla cerimonia di premiazione.

Jan e Nikolaas Tinbergen, fratelli. Jan (a destra nella foto) ha vinto il Nobel all'Economia nel 1969, insieme a Ragnar Frisch, per aver sviluppato modelli dinamici di analisi dei processi economici. Nikolaas ha vinto il Premio Nobel per la Fisiologia e la Medicina nel 1973, insieme a Karl von Frisch e Konrad Lorenz, per le scoperte sull'organizzazione di pattern comportamentali individuali e sociali negli animali.

Edvard I. Moser e May-Britt Moser, marito e moglie. I due covincitori del Nobel per la Medicina e la Fisiologia 2014 si sono conosciuti durante un post doc nel laboratorio di John O’Keefe, terzo (anzi, primo) vincitore del Premio, dato per gli studi sul nostro Gps interno. Sono la quinta coppia di coniugi a ricevere un Nobel: dietro di loro c'è una tradizione piuttosto consolidata di partner nella scienza e nella vita.